Minacce al sindaco di San Giuseppe Jato: recapitato un proiettile

Nel mirino di ignoti è finito Rosario Agostaro. Dopo la grave intimidazione è stata convocata una seduta straordinaria del Consiglio comunale

Rosario Agostaro

Minacce a Rosario Agostaro, sindaco di San Giuseppe Jato, al quale ignoti hanno inviato un proiettile. Una seduta straordinaria del Consiglio comunale è stata convocata per domani pomeriggio, alle 17, a seguito della grave intimidazione. All'assise parteciperà una delegazione del movimento DiventeràBellissima fondato dal governatore siciliano, Nello Musumeci. "Siamo al fianco del sindaco, un'intimidazione vile, che va fronteggiata senza arretrare di un passo" dice Alessandro Aricò, capogruppo all'Ars di DiventeràBellissima.

"Siamo certi, ben conoscendolo, che non si lascerà intimidire e proseguirà a testa alta e con coraggio nella sua azione amministrativa - conclude -. DiventeràBellissima continuerà a essere al fianco suo e di tutti gli altri amministratori che operano all'insegna della legalità, perché questa è una battaglia che va combattuta e vinta tutti insieme".

"Piena solidarietà" e un invito a "non lasciare che minacce di alcun tipo possano condizionare l'azione amministrativa" sono stati espressi dal sindaco Leoluca Orlando. "Siano adottate tutte le misure necessarie - conclude Orlando - affinché il sindaco possa proseguire con serenità il proprio lavoro, garantendo l'azione democratica della sua amministrazione e di tutti gli amministratori di San Giuseppe Jato."

Piena solidarietà ad Agostaro anche dalla Cisl Fp

Al fianco del primo cittadino anche la Cgil. "Il percorso di affermazione della legalità e della superiorità dell'interesse collettivo rispetto a quello dei singoli, intrapreso dal popolo siciliano, è ormai - dichiarano il segretario generale della Cgil Palermo Enzo Campo e Giovanni Cammuca, segretario generale della Fp Cgil Palermo - irreversibile e certi metodi appartenenti al passato non potranno, ne siamo certi, invertire la rotta. Saremo sempre al fianco del sindaco di San Giuseppe Jato e di tutti gli amministratori locali che giornalmente combattono e respingono al mittente atteggiamenti e metodi mafiosi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento