Mafia e massoneria, spunta Patrizia Monterosso: "Quella loggia segreta di Castelvetrano..."

I deputati 5 Stelle Ciaccio e Zito hanno inviato la richiesta di convocazione del segretario generale della Regione al presidente Musumeci dopo un articolo del Fatto Quotidiano

“Le notizie riportate dal Fatto Quotidiano che riguardano il segretario generale della Regione, Patrizia Monterosso, sono gravissime e meritano un celere approfondimento, per questo abbiamo chiesto la sua convocazione in commissione antimafia”. I deputati 5stelle Ciaccio e Zito, componenti della commissione antimafia dell'Ars, hanno già inviato la richiesta di convocazione dell'alto burocrate al presidente della commissione Musumeci.

“I fatti raccontati – dicono - sono gravissimi, l'apertura di una indagine conoscitiva é quantomeno doverosa”. L'articolo cui si riferiscono i parlamentari è quello a firma di Giuseppe Lo Bianco, pubblicato a pagina 16 dalla testata diretta da Marco Travaglio, dal titolo “Messina Denaro e il telefono imprendibile da 4.000 euro”. Il “pezzo” riporta le dichiarazioni dell'architetto Giuseppe Tuzzolino, definito “cerniera tra mafia, politica e massoneria”, arrestato nel 2013 e in seguito divenuto collaboratore delle Procure siciliane.

“Le ultime rivelazioni di Tuzzolino – recita l'articolo – sono nei verbali depositati nel processo d'appello all'ex governatore siciliano Raffaele Lombardo, condannato a sei anni e otto mesi per mafia. L'architetto sottoposto al programma di protezione svela l'esistenza di una loggia massonica segreta a Castelvetrano che incassa una tangente del 5 per cento per ogni appalto del fotovoltaico, chiamata “il Tronco della vedova” e che, sostiene Tuzzolino, finisce nelle tasche di una fedelissima di Crocetta, la potente segretaria generale della presidenza della Regione, Patrizia Monterosso...”.

Più avanti nel pezzo altri dettagli, parla Tuzzolino. “Patrizia Monterosso era una nostra sorella in massoneria e si occupava degli interessi della Loggia La Sicilia. Si è occupata di far comunicare la massoneria di Trapani con Raffaele Lombardo, ad esempio, nell'interesse della società Vento Divino, di Nicastri, poi sequestrata. La Monterosso faceva parte della Loggia di Castelvetrano, poiché era la più vicina al presidente...”

Le rivelazioni del Fatto quotidiano e i rilievi mossi dal Movimento 5 Stelle non sono stati oggetto di verifica e quindi andranno valutati sulla base di ciò che le parti interessate riferiranno nelle sedi opportune. “A prescindere dagli ultimi fatti – afferma Ciaccio – ricordiamo a Crocetta che la presenza della Monterosso ai vertici della burocrazia regionale è assolutamente inopportuna: va rimossa. La pesantissima condanna definitiva della Corte dei conti ai suoi danni per la questione degli extrabudget alla Formazione e un macigno, non certo una multa”.

Potrebbe interessarti

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Estate uguale esodo al villino, ecco come i palermitani possono arredare la casa al mare

  • Gerani, i giardini palermitani ne sono pieni: come creare addobbi e segnaposto

I più letti della settimana

  • Vedono donna sola in casa e provano a violentarla: lei urla, marito la salva a suon di cazzotti

  • Tramonta il sogno cinese, crolla l'impero Z&H: sequestrati 7 centri commerciali

  • Lutto nel mondo del tifo palermitano, morto ultras della Curva Nord Inferiore

  • Il boss arrestato: "Mi tolgo il cappello davanti al figlio di Riina"

  • La Casa di carta, mistero svelato: al Politeama spunta la scritta: "Palermo è dei nostri"

  • Beneficiari del reddito di cittadinanza scrivono al sindaco: "Vogliamo pulire lo Zen"

Torna su
PalermoToday è in caricamento