Regione, Pistorio lascia: Bosco nuovo assessore alle Infrastrutture

L'esponente di rilievo del movimento Il Megafono ha ricevuto l'incarico dal Presidente Crocetta: si è dimesso dalla Giunta catanese, guidata dal sindaco Bianco, per approdare a Palazzo d'Orleans

Il neo assessore Luigi Bosco

Luigi Bosco è il nuovo assessore alle Infrastrutture della Regione. Esponente di rilievo del movimento Il Megafono, che fa capo a Crocetta, il neo membro della giunta regionale lascia l'incarico di assessore ai Lavori Pubblici, Infrastrutture e Protezione Civile nell'amministrazione catanese guidata dal sindaco Bianco. E' stato anche presidente dell'Ordine degli ingegneri a Catania.

La sua nomina arriva dopo le dimissioni di Giovanni Pistorio (Centristi), che nei giorni scorsi, dopo una dura querelle con il Governatore, ha deciso di lasciare l'incarico. Intercettato dagli inquirenti nell'ambito dell'inchiesta sui trasporti marittimi a Trapani, Pistorio aveva pronunciato frasi "forti", non solo sulla linea politica, ma anche sulla sua vita privata del Presidente della Regione. Immediata la reazione dell'ex sindaco di Gela, che ha bollato Pistorio come "omofobo e traditore politico" e chiesto le sue dimissioni, arrivate solo dopo qualche tentennamento.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto in un market di via Maqueda, Ballarò saluta Matteo: "Vogliamo giustizia, non vendette"

  • Cronaca

    Il Comune si riprende La Mimosa, sgomberato l'asilo occupato a Pallavicino

  • Cronaca

    Differenziata, Rap apre alle scuole il Centro comunale di raccolta di viale dei Picciotti

  • Economia

    Quota 100, a Palermo 2.500 richieste: in pensione senza verifica ma c'è il rischio "trappola"

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento