Limite velocità a 10 km/h a Monreale, Intravaia: “Un offesa al buon senso e alla buona amministrazione"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Il limite di velocità su viale Regione Siciliana fissato a 10 km/h è un offesa all'intelligenza dei cittadini". Non le manda certo a dire all'amministrazione comunale, e agli uffici competenti, il Consigliere Marco Intravaia, in merito all'entrata in vigore dei nuovi limiti di velocità: 30 km/h sulla Circonvallazione, già in vigore da qualche settimana, e, da oggi, 10 km/h su viale Regione Siciliana. Il motivo di questi limiti così bassi, da quel che si deduce dall'ordinanza, è lo stato di dissesto delle due strade, che pone seri problemi di sicurezza.

"Ciò significa - ha incalzato Intravaia - che i problemi che l'amministrazione non riesce a risolvere sono scaricati sui cittadini e la responsabilità della loro soluzione sulla Polizia municipale la quale deve, come è giusto, recepire l'ordinanza, ma mancano dei mezzi per farla rispettare, essendo privi di segnaletica verticale per renderla nota. I nostri uffici sono pagati per risolvere i problemi dei cittadini e non per complicare loro la vita e gravarla, oltre che di tasse, anche di multe strumentali, che i Vigili urbani saranno costretti ad elevare, per non incorrere in accuse di omissioni. Di fatto il sindaco e la Giunta rinunciano ad amministrare, creando nuovi problemi ai cittadini e ai vigili". L'assenza di segnaletica rende, fra l'altro, annullabile qualunque multa elevata per limiti di velocità in assenza di "pubblicità" dell'ordinanza.

Torna su
PalermoToday è in caricamento