Massoneria, obbligatorio dichiarare l'iscrizione ma è polemica: "Questa è discriminazione"

Due deputati ricorrono alla Consulta. Si tratta di Catalfamo e Lo Curto: "Legge incostituzionale". Fava: "La norma intanto vale per tutti i deputati, pure per loro"

"Le leggi si applicano e si rispettano, soprattutto da parte di chi ha la responsabilità d'essere egli stesso legislatore. Se si ritiene che una legge violi le garanzie costituzionali, si può impugnare davanti alla Consulta nei modi e  nelle forme previste dalla legge, ma a nessuno è concesso di  sostituirsi alla Corte Costituzionale e decidere per proprio conto  quali leggi meritano di essere rispettate". A parlare è Claudio Fava, presidente della commissione Antimafia regionale e promotore della legge regionale che impone l'obbligo di dichiarazione sulla appartenenza a logge massoniche per i deputati regionali, dopo la presa di posizione di Eleonora Lo Curto e Antonio Catalfamo, rispettivamente capigruppo dell'Udc e di Fratelli d'Italia all'Assemblea regionale siciliana, che si dicono pronti a sfidare la  nuova norma varata dall'Ars e hanno annunciato il ricorso alla Consulta.

"Nessuno è al di sopra della legge e se gli onorevoli Lo Curto e Catalfamo non intendono dichiarare per altri motivi o per altri imbarazzi - conclude Fava - che lo dicano in modo chiaro".

Questo il punto di vista di Lo Curto e Catalfamo: "Una legge ingiusta, iniqua e discriminatoria va contrastata con tutti i mezzi possibili. Abbiamo dato questa valutazione alla legge regionale 18 del 2018 e per tale ragione oggi abbiamo depositato, presso la presidenza dell'Assemblea regionale siciliana, una dichiarazione con la quale rinunciamo al termine di 45 giorni per dichiarare l'eventuale appartenenza a logge massoniche. Comprendiamo che ora ci troviamo nella condizione di soggetti passibili di sanzione da parte del presidente dell'Ars, ma la nostra odierna determinazione deriva dalla consapevolezza di agire in ossequio alla Costituzione italiana e ai principi di 'non discriminazione' e di 'tutela della libertà di associazione', previstie sanciti dagli articoli 3 e 18".

I due parlamentari puntano a far impugnare la legge dinanzi la Corte Costituzionale per ottenere la pronuncia di illegittimità costituzionale e "tutelare i diritti dei cittadini siciliani ma anche di tutti i sindaci e i consiglieri comunali che invitiamo a desistere, in vista della scadenza del 3 dicembre, non sottoscrivendo una dichiarazione che solo un regime totalitario e non uno Stato di diritto, potrebbe permettere". I due parlamentari regionali annunciano di avere già dato mandato ai legali Enzo Palumbo di Messina, Andrea Pruiti Ciarello di Capo d'Orlando e Rocco Todero di Catania di impugnare la legge regionale 18/2018 davanti alla Consulta.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Vien da ridere.

  • Sicuro hanno tanto è gravi cose da nascondere meglio far indagare gli inquirenti una reazione del genere et spropositata!!!! Chissà cosa nasconondono veramente!!!!!

  • Discriminazione? Appartenere ad una setta segreta la chiamate discriminazione? Dovete essere gente specchiata perchè amministrate la cosa pubblica e tutti dobbiamo sapere che pesci siete!

    • Avatar anonimo di ilTafano
      ilTafano

      Le massonerie non sono segrete e sono perfettamente lecite. Documentatevi prima di starnazzare.

Notizie di oggi

  • Politica

    E' scontro tra Musumeci e Toninelli: "Basta passeggiate elettorali in Sicilia"

  • Politica

    Commissari Srr in scadenza, tocca ai sindaci: nel Palermitano si rischia l'emergenza rifiuti

  • Politica

    Privatizzazione aeroporti, Cisal e Ugl: "Pronti a bloccare i voli in Sicilia"

  • Cronaca

    Soldi in cambio di voti, 16 condannati per corruzione: ci sono anche due ex parlamentari

I più letti della settimana

  • Tragedia al Villaggio, ragazza si suicida lanciandosi dal balcone

  • Schiaffo al clan di San Lorenzo, 10 arresti: "Preso anche il re dello spaccio allo Zen"

  • Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

  • La mafia di San Lorenzo non perdona, pagano tutti: dal lido di Isola al vivaio e l'Elenka

  • Via Ruggero Settimo si trasforma in un ring, quattro universitari aggrediti dal branco

  • Ragazza va in bagno, poi esce con le vene tagliate: paura in un bar in zona via Libertà

Torna su
PalermoToday è in caricamento