"Ripartiamo dalle infrastrutture", la strategia della Lega per i comuni della provincia

Il senatore Stefano Candiani ha incontrato sindaci e consiglieri comunali di Campofiorito, Contessa Entellina, Chiusa Sclafani, Bisacquino e Giuliana: "Crediamo nello sviluppo dell’Isola ma serve programmazione"

Da sinistra Igor Gelarda e Stefano Candiani

“In Sicilia, gli investimenti in infrastrutture sono un requisito imprescindibile per risollevare l’economia, ma i soldi vanno spesi bene. Ci vuole programmazione. La Lega crede nello sviluppo dell’Isola, trainata soprattutto da agricoltura e turismo, ma prima di parlare di fondi dal governo nazionale servono i progetti. Guardiamo ai collegamenti stradali, per esempio, che nelle zone più interne sono in condizioni davvero preoccupanti. È necessario intervenire, ma è inutile distribuire risorse senza progetti. Diventa soltanto spreco di denaro”. Così il senatore della Lega Stefano Candiani, sottosegretario al ministero dell’Interno, davanti a una platea di sindaci e consiglieri comunali di Campofiorito, Contessa Entellina, Chiusa Sclafani, Bisacquino e Giuliana a raccolta in una due giorni di incontri appena conclusa nella Valle dei Monti Sicani su iniziativa di Igor Gelarda, responsabile regionale Enti locali del partito guidato da Matteo Salvini.

“Cinque anni di governo Crocetta ci hanno messo in ginocchio - lamentano i sindaci -.L’emigrazione giovanile per la mancanza di lavoro è diventata un’emorragia che sta portando allo spopolamento dei nostri territori. Così la Sicilia muore. E mai potrà esserci un’inversione di tendenza se non si creano le condizioni per lo sviluppo, soprattutto delle zone più interne a vocazione prevalentemente rurale. Ci sentiamo abbandonati”. 

Collegamenti stradali efficienti come base per rilanciare agricoltura e turismo. Ecco le linee guide indicate da Candiani nel tour nella Valle dei Monti Sicani, dove si sono susseguiti incontri con amministratori locali e confronti con cittadini e simpatizzanti della Lega, come durante l’inaugurazione di un circolo a Bisacquino. “I giovani siciliani  - dice Gelarda - non devono essere costretti a lasciare i loro territori, ma bisogna dargli un’opportunità di reddito per scegliere di restare altrimenti la battaglia allo spopolamento delle zone interne è persa in partenza. E le prospettive per i giovani, soprattutto nei piccoli centri, possono arrivare principalmente da agricoltura e turismo. Insisto, però: serve programmazione. Servono progetti concreti per fare ripartire la Sicilia nel segno dell’identità e dell’orgoglio di rappresentare il proprio territorio. È questo il messaggio politico della Lega”.

Dalla Valle dei Monti Sicani, Gelarda lancia inoltre un’altra iniziativa: “A dicembre a Palermo organizzeremo un grande tavolo di confronto con i sottosegretari della Lega al turismo e all’agricoltura e i sindaci del Palermitano, ma anche di Trapani e Agrigento. Non abbiamo la bacchetta magica - conclude Gelarda - ma certamente sarà l’avvio di un percorso di programmazione per il rilancio della Sicilia nel segno della Lega. E non ci sarà spazio per chi nel passato ha tradito i siciliani”.

Potrebbe interessarti

  • Bagno al mare dopo mangiato, sì che si può fare: tutta la verità sul (falso) mito

  • Caldo, estate e condizionatore sempre acceso: come risparmiare sulla bolletta elettrica

  • Cactus mania, avere piante grasse in casa non è solo bello ma fa anche (molto) bene

  • Fare la spesa risparmiando, 10 regole d'oro che i palermitani spreconi dovrebbero seguire

I più letti della settimana

  • Incidente a Villafrati, scontro frontale auto-camion: morto ragazzo di 22 anni

  • Centro storico, studentessa seguita e poi violentata sotto casa: fermati due bengalesi

  • Incidente sulla A29, auto contro il guardrail: muore 13enne, gravissimo il fratello

  • Tragedia in autostrada, bimbo di 9 anni in condizioni disperate: "Ha un gravissimo trauma cranico"

  • E' morto il chirurgo Mezzatesta: "La medicina ha perso un genio"

  • Etnaland, giovane bagherese pestato a sangue dal branco per un paio di ciabatte

Torna su
PalermoToday è in caricamento