La Sicilia perde 380 milioni di fondi Ue, Musumeci: "Paghiamo errori del passato"

Respinto il ricorso dell’Italia alla Corte di giustizia dell’Unione europea contro la sanzione inflitta all'Isola “per gravi carenze nella gestione e nei controlli” del ciclo di fondi comunitari 2000-2006

Nello Musumeci

La Sicilia perde 380 milioni di fondi europei. Il motivo? Sono stati impiegati in modo scorretto. E' stato respinto, infatti, il ricorso dell’Italia alla Corte di giustizia dell’Unione europea contro la sanzione inflitta all'Isola “per gravi carenze nella gestione e nei controlli” del ciclo di fondi comunitari 2000-2006, gli anni di “Agenda 2000”. 

Gli ispettori comunitari hanno constatato che in Sicilia alcuni progetti erano stati presentati dopo la scadenza del termine, in altri casi i giustificativi di spesa erano insufficienti. In alcuni progetti erano poi stati inseriti consulenti esterni privi delle qualifiche richieste o spese non pertinenti. Non sono mancati i casi di violazione delle procedure di appalto. Una galleria degli orrori insomma, che adesso costa cara all'Isola.

"Continuiamo a pagare errori del passato per una cattiva gestione finanziaria. Miliardi di euro sottratti al territorio. Chi ha sbagliato deve pagare", commenta il presidente della Regione Nello Musumeci.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Miglior street food di Palermo, arriva Alessandro Borghese con i suoi "4 Ristoranti"

  • Incidente a Belmonte, Bmw finisce fuori strada e prende fuoco: morti due ragazzi

  • Morte di Giuni Russo, le rivelazioni di Donatella Rettore in tv e la polemica: "Non dice la verità"

  • Via Maqueda, colpito alla testa mentre passeggia: grave 33enne

  • Rovigo, palermitano strangola e uccide la moglie di 23 anni

  • Mafia, sequestrato tesoro del boss Salerno: ci sono anche tabaccheria e focacceria

Torna su
PalermoToday è in caricamento