Pulmini per disabili incendiati a Partinico, Faraone lancia raccolta fondi per ricomprarli 

Il segretario regionale del Pd vuole donarli al Comune: "La politica non può stare con le mani in mano". Il senatore si rivolge poi a chi ha dato fuoco ai due mezzi: "Vergogna senza fine prendersela con i più deboli"

“Solo dei vigliacchi posso incendiare due pulmini che servono per il trasporto dei disabili. Vergogna senza fine prendersela con i più deboli", a parlare è il segretario regionale del Pd, Davide Faraone che appreso quando accaduto a Partinico ha deciso di lanciare una raccolta fondi per acquistare due nuovi mezzi e donarli al comune di Partinico.

Partinico, incendiati due pulmini per disabili

"La politica - scrive il senatore su Facebook - non può stare con le mani in mano, non può solo stigmatizzare questi atti vergognosi. Chiedo la mobilitazione di tutte le democratiche e democratici della Sicilia, di tutti i siciliani, ci dica l’amministrazione comunale di Partinico a chi poter destinare una raccolta fondi straordinaria, una donazione solidale per acquistare i due bus. La solidarietà deve vincere!”.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ma che metta mano alle sue tasche!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio a Pagliarelli, un sms sul cellulare per attirare Manzella nella trappola

  • Mafia

    Il tesoriere di Totò Riina ora è libero: Vito Palazzolo affidato in prova ai servizi sociali

  • Incidenti stradali

    Ci risiamo, incidente in via Roma: un altro pedone investito, è grave

  • Cronaca

    Ha investito e ucciso un uomo in via Roma, ventenne ai domiciliari per due mesi

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento