Gangi, Consiglio comunale approva le nuove tariffe: tasse locali quasi invariate

Le tariffe della Tari rimarranno invariate per le utenze domestiche mentre si riducono di circa 11% per quelle non domestiche. Aliquota unica dello 0,80%, sull’addizionale comunale Irpef. Il sindaco Migliazzo: "Nonostante i tagli siamo riusciti a garantire i servizi alla comunità"

Il Comune di Gangi

Diminuzione dell'11 per cento della Tari per le utenze non domestiche, nuova ripartizione sull’addizionale comunale Irpef (si passa all’aliquota unica dello 0,80%, con un incremento massimo dello 0,30%) ed esenzione per chi ha un reddito fino a 10 mila euro. Sono alcune delle novità introdotte, su proposta dell’amministrazione di Gangi, dal consiglio comunale nei giorni scorsi che ha approvato all'unanimità il nuovo riparto delle tariffe sulle imposte locali (Imu, Tari, servizio idrico ed Irpef).

Sulla Tari i costi del servizio si riducono complessivamente di circa 20 mila euro, rispetto al 2018, le tariffe rimarranno invariate per le utenze domestiche mentre si riducono di circa 11% per quelle non domestiche, sulla base dei parametri di superficie e quantità di rifiuti prodotti. Anche le tariffe del servizio idrico, che saranno sottoposte all’approvazione dell’Aati Palermo e successivamente dell’Arera, non subiscono alcun incremento. Invariata anche la percentuale di copertura dei servizi scolastici.

“Siamo riusciti - ha dichiarato il sindaco Francesco Migliazzo - nonostante i pesanti tagli dei trasferimenti da parte della Regione, a garantire i servizi essenziali alla nostra comunità e a lasciare in parte invariate le tariffe sulle imposte locali, basti pensare che un Comune come il nostro, nel 2019 riceverà dalla Regione appena 500 mila euro di trasferimenti di parte corrente (comprensivi della quota complementare vincolata al pagamento degli emolumenti del personale a tempo determinato pari a circa 270 mila euro) a fronte del milione e 400 mila euro del 2011. Ciò per effetto di una costante riduzione del fondo per le autonomie e di un piano di riparto, adottato dalla Regione, del tutto iniquo che prevede stanziamenti anche doppi a Comuni con una popolazione di gran lunga inferiore alla nostra. Essere riusciti a quadrare il bilancio, gravando il meno possibile sui bilanci delle nostre famiglie, è stato possibile grazie al lavoro di tutti gli uffici e alla grande professionalità del responsabile del settore economico-finanziario del nostro Comune, dottoressa Concetta Giangrillo e grazie all’intero consiglio comunale che ha condiviso le scelte dell’amministrazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento