Fiorai "fantasma", in città solo in 41 sono autorizzati: pochissimi vicino ai cimiteri

E' quanto emerge da una ricognizione fatta dalla commissione Urbanistica. Convocato l'assessore Piampiano per discutere di un nuovo regolamento. A febbraio i controlli dei vigili a Sant'Orsola avevano portato alla luce un abusivismo dilagante

Una rivendita di fiori a due passi dal cimitero di Sant'Orsola

Fiorai "fantasma", in città solo in 41 sono autorizzati. Sono numeri che lasciano quanto meno sorpresi quelli che escono da una ricognizione fatta dalla commissione consiliare Urbanistica. Nelle vicinanze dei cimiteri di Sant’Orsola e Santa Maria di Gesù non ne risultano, a dispetto dei chioschi presenti. Il trucco? Semplice: i venditori aprono le loro botteghe senza chiedere i permessi al Comune.

Sant'Orsola, fiorai abusivi per 40 anni

La commissione Urbanistica, su iniziativa del consigliere Giulio Tantillo, ha richiesto al Suap l'elenco dei chioschi autorizzati. Il risultato, dopo aver "interrogato" l'archivio informatizzato sulle attività ricadenti nel suolo pubblico, è stato il seguente: 31 rivendite, alle quali ne vanno aggiunte altre 10 vicino ai cimiteri. Ai Rotoli se ne contano otto, due ai Cappuccini. Gli altri chioschi di fiori sono sparsi in aree molto diverse tra di loro.

Pochi, troppo pochi. Tant'è che la commissione ha fatto subito partire una convocazione diretta all'assessore alla Attività produttive Leopolpo Piampiano e agli uffici competenti. Obiettivo: affrontare l'argomento e gettare le basi per un nuovo regolamento dei fiorai. Il caso dei fiorai fantasma è emerso dopo l'incendio appiccato lo scorso mese di febbraio ad una rivendita in via Parlavecchio, a due passi dal cimitero di Sant'Orsola. Successivi controlli della polizia municipale hanno portato alla luce un abusivismo dilagante da oltre 40 anni. 

A marzo, una delegazione di commercianti - riuniti sotto la sigla di Assofioristi - è stata ricevuta presso la commissione consiliare Attività produttive, per cercare di sanare la posizione dei fiorai "invisibili". Nelle scorse settimane, agli uffici del Comune sono giunte circa 25 richieste di regolarizzazione. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • La scoperta del secolo..

  • andate al corso olivuzzA e poi mi dite

  • Palermo è il paese di bengodi, dove chiunque si svegli la mattina con l'idea di iniziare una bella attività abusiva non ha problemi di sorta. Sceglie il tipo di attività, affitta locali, magari se ne costruisce uno oppure si impadronisce di un pezzo di strada o di marciapiede e, per miracolo, diventa invisibile: nessuno se ne accorge e così va avanti per decenni. E la collettività sopporta le sue spese ripulendo quello che lascia a terra, gli eroga ticket sanitari ed assistenza gratuita, gli elargisce REI, redditi di cittadinanza e sussidi vari, gli paga l'eventuale asilo nido, e così via cantando, e lui, l'ineffabile abusivo, compra auto, case al mare, fa crociere e nessuno se ne accorge. L'agenzia delle entrate, si, quella che fa il cu..o al contribuente che dimentica di dichiarare 100 euro, non si accorge che il tipo ha intestata un auto e una casa, su moglie un'altra auto, e lui, invisibile ma di fatto incombente e arrogante, campa per decenni senza pagare un soldo di tributo a quella società civile che gli consente, con dolo e silenziosa complicità, di vivere scrocco.

  • Avatar anonimo di Giuseppe
    Giuseppe

    Orlando il sindaco lo sa fare ;)))

  • a Palermo gli abusivi di qualunque genere hanno il dono dell'invisibilità

  • signor sindaco lei non sapeva nulla vero? O  faceva finta di non saperlo

Notizie di oggi

  • Politica

    Ecoambiente dal primo giugno lascia Bellolampo: tutti i servizi passano alla Rap

  • Cronaca

    Anello ferroviario, ultimatum di Rfi a Tecnis: "Un mese di tempo per riprendere i lavori"

  • Cronaca

    Bagheria, medico del pronto soccorso denuncia: "Aggredito dal padre di una paziente"

  • Cronaca

    Tenta furto in un supermercato in via Messina Marine: banda del buco in arresto

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Travolto da una moto in via Notarbartolo: il cuore si ferma, salvato da due passanti

  • La droga "calabrese" venduta a Palermo, i nomi degli arrestati

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • "Paga o ti faccio chiudere il cantiere": ma lui si ribella e fa arrestare uno dei Graviano

Torna su
PalermoToday è in caricamento