Finanziaria, Pd al contrattacco sui tagli: "Allargare la platea del reddito d'inclusione"

Il testo - che il 23 dovrebbe approdare all'Ars - è stato criticato da più parti: circa 1.400 gli emendamenti presentati dai partiti per modificare la manovra. Giuseppe Lupo: "Opporre misure per il lavoro e per la lotta alla povertà ai tagli scriteriati"

Dieci milioni di euro per allargare la platea dei cittadini aventi diritto al reddito d'inclusione, la misura introtta dal Governo nazionale per contrastare la povertà. La proposta arriva dal Pd che ha presentato un pacchetto di emendamenti alla Finanziaria regionale che il 23 dovrebbe approdare all'Ars. "Abbiamo presentato - afferma il capogruppo del partito all'Ars, Giuseppe Lupo, durante una conferenza stampa - un pacchetto di emendamenti per contrastare una manovra di tagli scriteriati alla quale opponiamo misure per il lavoro, la lotta alla povertà, l'inclusione sociale, la cultura. Musumeci ha detto più volte di voler dimostrate un'apertura al dialogo, soprattutto nei confronti delle opposizioni, ci aspettiamo che dica sì alle nostre misure". 

Il Pd vorrebbe estendere il Rei alle famiglie con un reddito Isee fino a 7mila euro. Attualmente la legge nazionale prevede la misura per le famiglie con un reddito Isee fino a 6mila euro. "E' una misura - conclude Lupo - su cui ci aspettiamo il sostegno di tutte le forze politiche".

Circa 1.400 in tutto gli emendamenti presentati al testo della Finanziaria. I documenti contabili dovrebbero superare l'esame della commissione Bilancio entro venerdì per poi passare a Sala d'Ercole. C'è un termine che incombe ed è quello del 30 aprile, quando scadrà l'esercizio provvisorio. Il testo è stato criticato da più parti e questo fa presagire un dibattito animano in Aula. Previsti tagli a diversi teatri come il Bellini e lo Stabile di Catania, il Biondo di Palermo, il Vittorio Emanuele di Messina l’Orchestra sinfonica di Palermo, le Orestiadi per un totale di circa 80 milioni di euro. La settimana scorsa in commissione Cultura il M5S ha espresso parere negativo ai tagli: "Grazie ai nostri voti decisivi è stato dato parere negativo a un emendamento del governo che prevede riduzioni a raffica rispetto agli stanziamenti dell’ultima legge di stabilità". Ora la parola passa alla commissione Bilancio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Calcio palermitano in lutto, è morto Carmelo Bongiorno

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento