Figlio di Riina a Porta a Porta, l'indignazione del sindaco di Corleone

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il Sindaco di Corleone Leoluchina Savona e la Giunta Municipale, manifestano costernazione e indignazione, a proposito della trasmissione televisiva Rai "Porta a Porta" andata in onda il giorno 6 aprile 2016, sull'emittente nazionale Rai 1, nella quale e' stata trasmessa una intervista del sig. Salvatore Giuseppe Riina, figlio del boss mafioso Salvatore Riina; il fatto appare lesivo dell'immagine della collettività di Corleone, che da anni cerca di scrollarsi la nomea di Città capitale della mafia, e che da sempre e' stata impegnata a promuovere attività ed eventi, volte al contrasto dei fenomeni mafiosi, della criminalità organizzata e dei fenomeni di illegalità.

Le Amministrazioni Comunali degli ultimi decenni, hanno puntato sulla formazione di una cittadinanza attiva, raggiungendo una crescita culturale e sociale di particolare pregio, l'intervista di Bruno Vespa al figlio del boss Riina e la promozione del libro "Riina Family Life", ha sconvolto e rinnovato il dolore a migliaia di persone, vittime di mafia, rendendo vano il sacrificio di tanti eroi antimafia, ha inoltre offeso migliaia di disoccupati onesti che assisteranno alla vendita del testo sopracitato , i cui proventi entreranno nelle tasche di mafiosi.

La Città di Corleone si dissocia dall'operato della Rai, investendo la commissione di vigilanza a fare chiarezza sulla vicenda, ed invita il giovane Salvatore Giuseppe Riina a prendere distanza dall'operato del padre e dei mafiosi.

Torna su
PalermoToday è in caricamento