Faraone: "La politica di odio e razzismo di Salvini non ci appartiene"

Così il senatore palermitano, candidato alle Primarie del Pd Sicilia per la segreteria regionale: "Il decreto sicurezza del ministro della propaganda renderà più insicure le nostre città"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"La politica di Salvini, quella dell'odio, della paura, del razzismo non ci appartiene. Non appartiene alla Sicilia, terra di accoglienza e di solidarietà, ponte del  Mediterraneo, culla di culture diverse, religioni diverse, mosaico di  colori e sapori". Così il senatore del Pd Davide Faraone, candidato alle Primarie del Pd Sicilia per la segreteria regionale.

"Il decreto sicurezza del ministro della propaganda renderà più insicure le nostre città, più clandestini, più disordine - dice -. Noi a  questa politica ci contrapponiamo senza se e senza ma e lo facciamo chiedendo a tante donne e uomini che sono nati in Sicilia o che vivono e lavorano da decenni nella nostra terra di entrare nel Pd, di far parte della nuova classe dirigente dei democratici siciliani per costruire insieme un modello di società sicura e solidale. Vi presento i primi tre, sono Thiyagarajah Ramani, 30 anni e da 26 in Italia, Aktar Sumi Dalia, 28 anni e da 19 a Palermo e Sachithanantham Prasanth detto Tamilan, 25 anni, nato a Palermo. Tre giovani che saranno in lista con me per cambiare il Pd. #AvantiSicilia!".

Torna su
PalermoToday è in caricamento