Crisi di Governo, Faraone: "Non mi meravigliano attacchi a Renzi da Salvini e Pd"

Il senatore palermitano su Facebook: "Stanno tutto il tempo a brandire una scissione. Ma noi andiamo avanti per l'Italia"

Davide Faraone

“Non mi meraviglia che Salvini attacchi Renzi e una quarantina di senatori renziani che vogliono cacciarlo, né che Grillo attacchi Renzi. Neppure che Scalfari, ogni santa domenica, attacchi Renzi e non mi meraviglia che l’Espresso dica che Renzi e Salvini siano uguali. Non mi meraviglia neanche che nessuno del Pd difenda Renzi e che anzi, tanti del Pd attacchino Renzi e i renziani. Non mi meraviglia più”. Lo scrive su Facebook il senatore del Pd, Davide Faraone.

“Stanno tutto il tempo - continua - a brandire una scissione, a dire che vogliamo andare via dal Pd, che vogliamo farci un altro partito e in tanti nel Pd ci trattano come se fossimo di un altro partito. Non uno straccio di comunicato a difesa di Matteo e dei senatori del Pd attaccati da Salvini quotidianamente.  Addirittura leggo di strategie di “autorevoli” esponenti del Pd che si accontentano di avere Salvini premier pur di cacciare “Renzi e i suoi”. Ma lasciateci in pace!” 

“Il problema - aggiunge Faraone - è Salvini che vuole pieni poteri, il problema è il ministro dell’interno che da settimane tiene i migranti a bordo di Open Arms, il problema è la sua disumanità, la sua incapacità di governare, di metterci contro tutta l’Europa. Il problema sono i 49 milioni rubati e nemmeno i rubli che avrebbe preso per pagare la bestia. Non possiamo essere noi il problema, la nostra libertà, le nostre idee”. “Addirittura, per qualche “scienziato”, - scrive - un governo d’interesse nazionale non dovrebbe nascere per “colpa” dei renziani. Dovremmo precipitarci al voto e magari tenerci Capitan Fracassa premier per anni pur di purificare la politica italiana da Renzi e dai renziani. Sono allibito, sdegnato, deluso”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono, però, al tempo stesso orgoglioso di essere, insieme a Matteo e a tanti amici, un problema per Salvini. Una spina nel suo fianco. Quello che mi fa specie è che, insieme a Salvini, possa considerarmi un problema, per le stesse ragioni, qualcuno del mio stesso partito. Questo sì, mi sconforta parecchio. Ma noi andiamo avanti - conclude Faraone - a testa alta, nell’interesse dell’Italia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento