Ex Provincia, accordo sindacati-azienda: stop agli aumenti per salvare posti e redditi

Un impiegato di livello intermedio rinuncerà a circa 200 euro al mese lordi ma in questo modo sarà possibile prorogare la convenzione dei servizi svolti e saranno tutelati livelli occupazionali e redditi

Palazzo Comitini, sede dell'ex Provincia

Stop agli aumenti contrattuali per i 150 dipendenti della Palermo Energia, società partecipata dell’ex Provincia di Palermo finita nel piano-tagli della nuova Città metropolitana. Un impiegato di livello intermedio rinuncerà a circa 200 euro al mese lordi ma in questo modo sarà possibile prorogare la convenzione dei servizi svolti e saranno tutelati livelli occupazionali e redditi.

I sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil guidati da Monia Cajolo, Mimma Calabrò e Marianna Flauto hanno sottoscritto oggi l’accordo con l’azienda che di fatto al momento congela gli aumenti contrattuali relativi al 2011 e al 2015. L’intesa prevede che gli arretrati vengano pagati in parte nel 2017 e secondo modalità da stabilire in un nuovo accordo che sarà stipulato nei prossimi mesi. Nuovi incontro sono previsti a partire da settembre.

“Abbiamo ritenuto necessario firmare l’accordo - spiegano le segreterie generali dei tre sindacati - per via del piano operativo di riduzione della spesa chiesto dall’ex Provincia e per il fatto che dalla firma dell’intesa dipendeva la proroga della nuova convenzione. E' un accordo siglato nell’esclusivo interesse dei lavoratori e che consente di garantire i livelli occupazionali e mantenere inalterati gli attuali trattamenti economici e normativi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati nell’accordo si impegnano a richiedere tavoli istituzionali che possano garantire le questioni ancora aperte relative ad esempio all’aumento delle ore al personale part-time e alla rimodulazione delle indennità legate alla prestazione svolta. L’azienda si è infine impegnata a discutere delle criticità riguardanti l’organizzazione del personale che si occupa del cosiddetto “pulimento”, in attesa dell’aumento delle ore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Mercatini, spiagge e pulizia delle strade: ecco il lavoro per i percettori del reddito di cittadinanza

Torna su
PalermoToday è in caricamento