Ex Province, Consulta boccia l'elezione diretta di presidente e consiglieri

La legge approvata dall'Ars lo scorso anno era stata impugnata dall'ex premier Gentiloni. Resta quindi in vigore il vecchio testo che prevede l'elezione di secondo grado. Musumeci: "Si continua a dare forza alla rappresentanza degli apparati di partito condannando il cittadino a un ruolo passivo"

Palazzo dei Normanni - sede Ars

La Corte costituzionale ha bocciato la norma votata dall'Assemblea regionale nel 2017 che prevedeva l'elezione diretta di presidente, Giunta e Consiglio delle ex Province, oggi liberi consorzi. La legge era stata impugnata dall'ex premier Gentiloni. Resta quindi in vigore il vecchio testo che prevede l'elezione di secondo grado tra sindaci e consiglieri comunali senza alcun compenso aggiuntivo.

 "La decisione della Consulta - commenta il presidente della Regione, Nello Musumeci - mi sorprende. In un momento in cui la gente si allontana dalle Istituzioni, l'elezione diretta del presidente della Provincia avrebbe rappresentato un pieno coinvolgimento del cittadino elettore. Un presidente di provincia eletto dal popolo avrebbe avuto una maggiore legittimazione, invece ancora una volta si continua a dare forza alla rappresentanza degli apparati di partito condannando il cittadino a un ruolo passivo e tenendolo lontano dai seri e veri processi decisionali"..

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • "Palestra trasformata in un ambulatorio del doping", 4 arresti e 16 indagati

  • Reddito cittadinanza, il caso di una coppia di Palermo: "Mentono al Fisco, card sequestrata"

  • Quando Totò Riina fu arrestato: "In carcere le guardie gli urlavano 'Stai zitto, prigioniero'"

  • Calogero non ce l'ha fatta: morto il 27enne malato di linfoma che ha commosso l'Italia

Torna su
PalermoToday è in caricamento