Regionali, Savona: "Si torni alla politica vera e non urlata"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“E’ stata sicuramente la vittoria più bella dal 2001 ad oggi che mi gratifica del lavoro svolto quotidianamente su Palermo e provincia, anche se i toni e la violenza verbale, mediatica e web ha superato tutti i limiti della decenza,un modo di fare politica che non appartiene alla mia cultura e alla mia struttura umana, mentale e politica". Lo dice Riccardo Savona, rieletto per la quinta volta all'Ars con Forza Italia.

"Posso dire senza ombra di smentita - aggiunge - che ho dimostrato ancora una volta che la politica per chi la sa fare realmente è una missione, un impegno civico, ma soprattutto un continuo mettersi alla prova per interpretare le esigenze del cittadino e trasformarle in azioni concrete attraverso gli strumenti parlamentari e per questo, assieme a Musumeci, sono certo troveremo le giuste soluzioni con il ritorno alla politica vera e non quella urlata alla quale abbiamo assistito in questi ultimi 5 anni con un Crocetta che per fortuna ha terminato l’azione di distruzione di massa. Mi fa piacere e ne ero certo che il neo governatore Nello Musumeci,uomo dal rigore morale e dalla statura politica frutto di anni di lavoro e di un cursus honorum specchiato,punti su una giunta politica di competenza e qualità.Sono convinto che i siciliani hanno affidato e dato la responsabilità al Presidente più capace,corretto,determinato e specchiato che ci possa essere e, dalla ristrutturazione della burocrazia agli investimenti,ai fondi europei,alle emergenze sociali ed economiche,ci sarà un netto cambio di passo che sarà rapido,deciso e lineare. Un ultimo ringraziamento oltre al mio partito Forza Italia e al neo eletto Musumeci,una unità nel centrodestra dimostrato nei risultati ( mi pare doveroso oltre i tanti attestati di stima e la testimonianza nei vari incontri) va a mia moglie Cristina. Senza di lei,che mi ha sempre supportato e sopportato, la mia carriera politica avrebbe avuto un altro percorso e io le riconosco apertamente un ruolo determinante dopo tanti lustri e tanti cambiamenti sociali e politici in Sicilia,una terra che amiamo tutti e due all’inverosimile".
 

I più letti
Torna su
PalermoToday è in caricamento