Cancelleri attacca (ancora) Musumeci: "Dopo 22 giorni non c'è lo straccio di una Giunta"

In una diretta su Fb, l'esponente del Movimento Cinque Stelle contro il presidente della Regione e si scaglia nuovamente contro la stampa: "Impantanato nei capricci della maggioranza. I giornali che si indignavano con la Raggi dove sono?"

Giancarlo Cancelleri nel corso della diretta Facebook

"Sono passati 22 giorni dalla fine delle elezioni e ancora non c'è la benché minima traccia di qualcosa che possa chiamarsi Giunta regionale, Nello Musumeci è impantanato fra i mille capricci e i mille appetiti della sua maggioranza.Da Miccichè a Cuffaro, da Lombardo a Genovese, tutti vogliono qualcosa.  Non si sa il nome degli assessori e per me è qualcosa di incredibile". Lo dice in una diretta su Fb, l'esponente del Movimento Cinque Stelle, Giancarlo Cancelleri. "Ma i giornali che si indignavano con la Raggi - chiede Cancelleri -  dove sono? Non vogliamo essere trattati con i guanti, vogliamo che facciano le pulci agli altri come le fanno a noi. Spero che i giornali si comincino a svegliare, perché è una vergogna che dopo 22 giorni non c'è una Giunta. Si fa un gran parlare sui giornali di poltrone, ma la Giunta non c'è".

Secondo Cancelleri: "Non stanno facendo la squadra di governo perché Micciché vuole la presidenza dell'Ars, ma non ha la certezza che la maggioranza lo voti. Vuole che la Giunta venga presentata dopo l'insediamento e la votazione del presidente, perché se non dovesse essere eletto, avrà un assessorato, anzi due. Ragionano così e allora la Giunta non si può fare".

Presidenza di Sala d'Ercole chiesta, nei giorni scorsi, dallo stesso Cancelleri. Dal blog di Beppe Grillo, il M5S aveva rivendicato lo scranno "o la vicepresidenza. Comunque chiediamo di entrare nell'ufficio di presidenza dalla porta di ingresso e non barattando voti con nessuno“.

"Si stanno 'scannando' per le poltrone - aggiunge adesso il grillino - siamo in una situazione di assoluta ingovernabilità, non c'è una sola parola sui problemi della Sicili. Sappiamo - continua - solo che ci sarà il governo della restaurazione con tre assessori 'sicuri'': Armao, che è stato assessore di Lombardo, Lagalla, che è stato assessore di Cuffaro alla Sanità, e poi abbiamo Sgarbi, che non voglio nemmeno commentare. Se ci fosse una forza politica seria, già la Giunta sarebbe al lavoro. Sarà un'Assemblea regionale siciliana dove ci sarà da lavorare, sono convinto che quando tireremo le somme probabilmente scopriremo che Musumeci sarà davvero il Crocetta del centrodestra. Non abbiamo la sfera di cristallo - conclude - ma riusciamo a guardare con obiettività le cose. Se Musumeci non si libererà di questa maggioranza di inqualificati e inqualificabili farà la fine davvero di Rosario Crocetta". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Folle serata allo Sperone, litiga con la moglie per i Sofficini e viene arrestato

  • L'arancina più buona a Palermo, gara alla vigilia di Santa Lucia: vince il Bar Matranga

Torna su
PalermoToday è in caricamento