"Io alla Regione? Faccio il presidente del Senato... per ora"

Per la prima volta Grasso si esprime sull'ipotesi di una candidatura per Palazzo d'Orleans. Il numero due del Pd Lorenzo Guerini: "Non lo si tiri per la giacchetta"

Pietro Grasso -

Archiviate le elezioni comunali, in Sicilia l'attenzione è tutta sulla Regione. I partiti devono ricompattarsi e scegliere chi candidare alla presidenza per il post Crocetta. Uno dei nomi che ritorna, già da mesi in realtà, è quello del presidente del Senato Pietro Grasso. Ieri, parlando con i giornalisti a Lamezia Terme a margine del festival dei libri sulle mafie, ha risposto per la prima volta a una domanda diretta sulla sua possibile candidatura a Palazzo d'Orleans. "Per ora - ha detto - faccio il presidente del Senato e lo faccio dedicando anima e corpo, cercherò di portarla fino in fondo".

Una risposta all'insegna dell'equilibrio e che, di fatto, non esclude alcuna ipotesi. Di certo c'è che da più parti si pensa a Grasso come una strategia, forse l'unica al momento, "sicura". Su di lui potrebbe convergere tutto il centrosinistra, superando divisioni e scontri interni. Rosario Crocetta per primo ha già dato il suo sostegno: "Se il candidato dovesse essere Grasso, sarò il suo primo e leale sostenitore poiché una presidenza Grasso, sarebbe in linea con la mia visione politica".

E' pur vero che, secondo alcuni, nel futuro del presidente del Senato potrebbe esserci una poltrona ben più alta: ovvero quella del Quirinale. Ipotesi che il diretto interessato nei giorni scorsi non aveva escluso. "Da servitore dello Stato, quando mi chiamano, sono disponibile - ha detto nei giorni scorsi con i toni pacati e ironici a cui ci ha abituato - . Certo, bisogna vedere fra quanto tempo, ho una certa età".

Intanto a smorzare i toni ci ha pensato il numero due del Pd Lorenzo Guerini: "Non si tiri per la giacchetta il presidente del Senato, che oggi fa un altro mestiere e la cui autorevolezza è un presidio per tutti. Al momento opportuno il Pd insieme agli amici e alleati della coalizione e alla società civile deciderà il percorso migliore per la scelta del candidato presidente. Adesso siamo tutti concentrati sui progetti concreti e sulle idee da realizzare". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • vuoi vedere che ci resta davvero sgarbi?..

  • Grasso si è dato da anni alla politica, ma non bisogna dimenticare che é uno degli unici, anzi forse l'UNICO tra i politici "antimafia" (alla crocetta e orando) ad averla combattuta sul serio, la mafia, quando a Palermo comandava Riina e i morti ammazzati a colpi di kalashnikov si contavano a frotte...Grasso non morì per pura fortuna..se la bomba che gli avevano piazzato a Monreale fosse esplosa, oggi sarebbe ricordato come una delle vittime della furia stragista dei corleonesi. Sentire persone che lo definiscono "pseudo magistrato" é la conferma del fatto che la grande maggioranza della gente parla tanto per dare aria alla bocca. Soprattutto il siciliano dovrebbe rispettare una figura come Grasso, che non ha MAI "mangiato" alle spalle dei siciliani, non avendo mai fatto ricoperto ruoli politici..l unico che ha avuto è stato quello di presidente del senato, cioè un ruolo più che altro cerimoniale. Certi messaggi sono la testimonianza del vizio di fondo che, io credo, caratterizza le democrazie. Pensare che le opinioni politiche della gente siano ragionate, o ragionevoli. O quantomeno consapevoli. E perciò da rispettare "sempre e comunque", laddove si traducono in voti...mi si faccia il piacere! Ciò detto, Grasso alla Regione sarebbe meglio di tante altre possibili soluzioni...quel poveretto di crocetta, qualche democristiano alla lagalla o gli scalmanati grillini...ma sarebbe pur sempre una foglia di fico...la Sicilia dovrebbe essere scippata dell'autonomia e commissariata. Soluzione lineare e radicale, l'unica potenzialmente efficace

  • Il PD non sa più che pesci pigliare, d'altronde i partiti devono ricompattarsi: usate l'autocompattatore!

  • No grazie,rimanga a Roma,ma nemmeno come presidente del senato...rimanga li,faccia il pensionato......prima come pseudo magistrato,adesso come pseudo presidente,ha già mangiato abbastanza,facendo solo danni!!!!!!! A Palermo non lo vogliamo,purtroppo abbiamo già don Orlando........due don sarebbero troppi.

  • Avatar anonimo di peppe
    peppe

    Ma per favore rimanga a Roma, abbiamo bisogno di persone che stiano tra la gente e che conoscono i veri problemi che colpiscono quotidianamente i siciliani non il solito candidato sceso dall'alto da parte dei partiti...

  • Eleggendo come presidente della regione sicilia Grasso, non é detto che i ns problemi siano risolti perché tutto ciò che lo circonda e' marcio, lercio e corrotto, se non che' mafioso!!!!

    • molto ma molto peggio di Orlando. Ha le stesse manie di grandezza di Putin, solo che da quest'ultimo ha in comune soltanto il lato peggiore

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Perde il controllo e vola fuori dall'auto, incidente a Castelvetrano: morto giovane corleonese

  • Incidenti stradali

    Inseguimento da film, furgone contromano in viale Regione si scontra con la polizia: 4 feriti

  • Cronaca

    Infortuni e incidenti sulla neve: tre palermitani feriti sulle piste di Piano Battaglia

  • Cronaca

    "Impossibile recuperare l'immobile": l'ex asilo in piazza Danisinni sarà demolito 

I più letti della settimana

  • Incidente in via Libertà, tre feriti gravi: "Urla strazianti, un intero quartiere è sceso in strada"

  • Terrasini, ritrovato il cadavere del 17enne trascinato in mare da un'onda mentre pescava

  • Suicidio in zona viale Lazio, si lancia dal quinto piano e muore

  • Via Oreto, muore d'infarto mentre è al volante

  • Decathlon aprirà a Palermo: il colosso di articoli sportivi nell'ex stabilimento Coca Cola

  • "Che bello, uno sbirro in meno": esulta per la morte del poliziotto, palermitano denunciato

Torna su
PalermoToday è in caricamento