Regionali, Di Vita: "Candidatura Micari danneggia l’Università di Palermo"

La deputata M5S alla Camera, Giulia Di Vita, ha presentato un’interpellanza al presidente del Consiglio, al ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, al ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione e al ministro dell'Interno

Giulia Di Vita

Il caso della candidatura del rettore dell'Università di Palermo Fabrizio Micari alla presidenza della Regione Siciliana approda in Parlamento. "La candidatura del rettore senza lasciare l’incarico accademico, sta suscitando numerose polemiche, per ragioni di opportunità e di potenziale ineleggibilità dello stesso alla presidenza della Regione o alla carica di deputato, in virtù del ruolo ricoperto nell’ateneo". A dirlo è la deputata siciliana alla Camera, Giulia Di Vita, che ha presentato un’interpellanza al presidente del Consiglio, al ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, al ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione e al ministro dell'Interno.

Due i dubbi legali segnalati dalla parlamentare. "La sua potenziale ineleggibilità legata alle mancate dimissioni da rettore, che sarebbero dovute avvenire entro il 27 luglio scorso, ma anche le forzature procedurali per ottenere il congedo già annunciato per dedicarsi alla campagna elettorale: il professor Micari ha infatti utilizzato a partire dal 7 settembre lo strumento del congedo con assegni, prima ordinario e poi straordinario". Di Vita richiama il caso della Valle d’Aosta, sul quale proprio riguardo alla figura del rettore-candidato si è espressa la Consulta (Sentenza n. 25 del 2008), affermando che "le peculiarità che caratterizzano la figura del rettore dell’Università della Valle d’Aosta consentivano di ritenere ragionevole la prevista ineleggibilità al fine di evitare che dette peculiarità potessero dare luogo a interferenze sulla consultazione elettorale regionale, sia per le funzioni che è chiamato a esercitare, sia per le modalità della sua nomina, nonché per le interazioni con gli altri organi dell’Università". 

Così Di Vita chiede se i soggetti interpellati non ritengano che sia il caso di "inviare un monito allo stesso Micari con riferimento all’inopportunità istituzionale della sua candidatura, data la manifesta violazione dello Statuto dell’Università di Palermo, nonché del potenziale danno patrimoniale e di immagine che rischia di arrecare allo stesso ateneo".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento