Regionali, Di Vita: "Candidatura Micari danneggia l’Università di Palermo"

La deputata M5S alla Camera, Giulia Di Vita, ha presentato un’interpellanza al presidente del Consiglio, al ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, al ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione e al ministro dell'Interno

Giulia Di Vita

Il caso della candidatura del rettore dell'Università di Palermo Fabrizio Micari alla presidenza della Regione Siciliana approda in Parlamento. "La candidatura del rettore senza lasciare l’incarico accademico, sta suscitando numerose polemiche, per ragioni di opportunità e di potenziale ineleggibilità dello stesso alla presidenza della Regione o alla carica di deputato, in virtù del ruolo ricoperto nell’ateneo". A dirlo è la deputata siciliana alla Camera, Giulia Di Vita, che ha presentato un’interpellanza al presidente del Consiglio, al ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, al ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione e al ministro dell'Interno.

Due i dubbi legali segnalati dalla parlamentare. "La sua potenziale ineleggibilità legata alle mancate dimissioni da rettore, che sarebbero dovute avvenire entro il 27 luglio scorso, ma anche le forzature procedurali per ottenere il congedo già annunciato per dedicarsi alla campagna elettorale: il professor Micari ha infatti utilizzato a partire dal 7 settembre lo strumento del congedo con assegni, prima ordinario e poi straordinario". Di Vita richiama il caso della Valle d’Aosta, sul quale proprio riguardo alla figura del rettore-candidato si è espressa la Consulta (Sentenza n. 25 del 2008), affermando che "le peculiarità che caratterizzano la figura del rettore dell’Università della Valle d’Aosta consentivano di ritenere ragionevole la prevista ineleggibilità al fine di evitare che dette peculiarità potessero dare luogo a interferenze sulla consultazione elettorale regionale, sia per le funzioni che è chiamato a esercitare, sia per le modalità della sua nomina, nonché per le interazioni con gli altri organi dell’Università". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così Di Vita chiede se i soggetti interpellati non ritengano che sia il caso di "inviare un monito allo stesso Micari con riferimento all’inopportunità istituzionale della sua candidatura, data la manifesta violazione dello Statuto dell’Università di Palermo, nonché del potenziale danno patrimoniale e di immagine che rischia di arrecare allo stesso ateneo".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Torna su
PalermoToday è in caricamento