Bersani a Palermo per Crocetta: “In Sicilia la vittoria vale il triplo"

Il segretario dei democratici è giunto nell'Isola per tirare la volata al candidato alla Presidenza della Regione di Pd, Udc, Api e Psi. Centrosinistra diviso? "Non per nostra responsabilità"

A dieci giorni esatti dalle elezioni regionali, il leader del Pd Pierluigi Bersani arriva in Sicilia per tirare la volata a Rosario Crocetta. “Le elezioni siciliane devono innescare processo forte. Qui la vittoria vale il triplo”, ha detto il segretario nazionale democratico, e lancia una sorta di invito al voto utile: "C’è un voto di testimonianza – ha detto - che ha un significato, ma è meglio un voto per il cambiamento. Siamo ancora in tempo per impostare qui una riflessione in questo senso". Secondo Bersani "si è già capito come finisce il film: o Musumeci o Crocetta. Dietro Musumeci c'è Berlusconi che in Lombardia si è gia accordato con Maroni. Tutto attorno ci sono feudatari, vassalli e valvassori che non hanno parola".

Il segretario nazionale democratico ha parlato di cambiamento che può partire dalla Sicilia, con l’ex sindaco di Gela che “può innestare la necessaria riscossa civica che avrà effetti importanti su tutta l'Italia”. E aggiunge: “Oggi occorre rimettere in gioco il meglio del Paese per affrontare la più grave crisi dal dopoguerra. Si parte da qui". E il non essere riuscire a ricompattare tutto il centrosinistra? "Non per nostra responsabilità - ha risposto Bersani - noi abbiamo messo sul tavolo il nome di Crocetta, con la sua storia importante, come l'unico per realizzare il necessario cambiamento. Ma altri non sono stati di questo avviso".

Ma l’alleanza tra lo stesso Pd e l’Udc, è esportabile anche nel resto del Paese? "Abbiamo una strategia che abbiamo certificato con Sel e con altre forze”, ha risposto Bersani. “C'è una carta d'intenti –prosegue - che afferma: organizziamo l'area dei progressisti e la portiamo a confronto con aree di centro liberale che vogliono togliersi di dosso l'ipoteca della destra e del leghismo. Questa è la nostra linea. Naturalmente questa linea ha delle applicazioni a volte controverse, ma la nostra direzione di marcia è questa e credo che, sebbene dispiaccia che non sia stato  possibile aggregare tutto il centrosinistra in Sicilia, la vittoria di Rosario Crocetta aiuterà a capire meglio l'esigenza di questo incontro".

Nel pomeriggio, Bersani e Crocetta, insieme con il segretario regionale Giuseppe Lupo, hanno incontrato,  in un albergo di Palermo, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e imprenditoriali. “Le nostre priorità -ha detto Bersani - sono il lavoro, lo sviluppo produttivo e la legalità. Il Pd è impegnato a sostenere il processo di crescita e di riscatto sociale, che sono certo Rosario Crocetta saprà realizzare”.  “Per il Pd- ha aggiunto Lupo- la concertazione sociale è l'elemento di forza del cambiamento del prossimo governo Crocetta”. “Il nostro impegno -spiega Crocetta- nasce dalla coerenza di una scelta di vita e rilancia un processo di vero cambiamento. Governeremo con i cittadini, le parti sociali e i sindaci per un bilancio partecipato della Regione e una programmazione decentrata".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento