"Nelle liste gente da arrestare", Musumeci querela Crocetta

Al candidato alla Presidenza di Pdl, Pid e La Destra non sono andate giù le parole pronunciate ieri dal candidato di Pd e Udc. La denuncia è stata formalizzata questa mattina. La replica: "Non mi fanno paura le carte bollate"

Nello Musumeci

Nello Musumeci querela Rosario Crocetta per alcune dichiarazioni giudicate "gravi". "Questa mattina l'avvocato Enrico Trantino, per conto del candidato alla presidenza della Regione Nello Musumeci - si legge in un comunicato -  ha depositato presso la procura della Repubblica di Catania, per l'inoltro a quella di Palermo, una querela nei confronti del signor Rosario Crocetta".

Il candidato di Pdl, Pid e La Destra ha deciso di ricorrere alle vie legali in seguito a "gravi dichiarazioni rese il 2 ottobre nel corso di un dibattito pubblico ed il 7 ottobre nel corso di una manifestazione al Politeama di Palermo. "Nelle liste di Musumeci - aveva detto Crocetta - c'è tanta gente da arrestare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pronta la replica di Crocetta: "Di sicuro io non mi faccio intimidire dalle querele perchè io non ho mai querelato nessuno dei miei avversari politici. Invece di ricorrere alle carte bollate, Musumeci farebbe bene a rispondere alle domande dei cittadini che vogliono chiarezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Torna su
PalermoToday è in caricamento