Comunarie M5S, per il sindaco è corsa a tre: si ritira anche Giulia Argiroffi

In un lungo post su Facebook spiega il perchè del suo forfait. Prima di lei, il passo indietro di Tiziana di Pasquale. In lizza restano Ugo Forello, Igor Gelarda e Giancarlo Caparrotta

Giulia Argiroffi

Si assottiglia giorno dopo giorno la platea degli aspiranti candidati alla carica di sindaco per il Movimento Cinque Stelle. A fare un passo indietro, dopo Tiziana di Pasquale, è Giulia Argiroffi. Una fulmine a ciel sereno dal momento che, solo lunedì sera, aveva partecipato alle "Graticole".

L'annuncio arriva con un lungo post su Facebook. "Per una attivista come me - scrive - convita da sempre di poter aiutare la nostra città a migliorare, potete immaginare cosa significhi avere oggi la possibilità di poter rappresentare tanti cittadini con gli stessi ideali. Palermo è bellissima e merita le nostre attenzioni. Ci tengo a ringraziare tutti coloro che con la loro preferenza alle 'comunarie' mi hanno dato l’onore di essere uno dei potenziali candidati sindaco di Palermo del Movimento 5 Stelle. E’ a loro che ho dedicato la mia presenza alla graticola, passaggio di confronto prezioso quanto difficile, che ho affrontato nel rispetto del voto, del valore democratico del confronto e dell’importanza di condividere prospettive, esperienze e competenze. Confermo con entusiasmo la mia disponibilità totale a proseguire questo percorso con la candidatura a consigliere comunale e a mettere a disposizione della squadra le mie competenze tecniche e il mio impegno. E’ proprio per il rispetto che ho per le istituzioni e per chi ha riposto fiducia in me che ho riflettuto bene su ciò che richiederebbe il ruolo di primo cittadino".

"Mi sono riservata di valutare la mia decisione - spiega Argiroffi - anche in funzione di ciò che sarebbe emerso nel corso del confronto pubblico con gli altri candidati, e ciò che è maturato in me è che le due persone tra le quali ero seduta lunedì mi hanno resa orgogliosa e le ritengo assolutamente idonee a ricoprire il delicato ruolo di sindaco. Quello del Movimento 5 Stelle a Palermo oggi è un percorso sano e democratico aperto a tutti che porterà i suoi frutti. In questi mesi siamo ripartiti con una logica inclusiva diversa dal passato che ha permesso di aprire le porte senza pregiudizi ai tanti cittadini che hanno competenze specifiche per migliorare la nostra città: esperti, professionisti, imprenditori, laureati, universitari a cinque stelle che con grande spirito di squadra ci aiutano e ci aiuteranno a trovare idee e soluzioni. Siamo “attivi” e non vediamo l’ora di entrare nelle istituzioni per cambiare anche Palermo con l’aiuto di tutti i palermitani".

In corsa restano quindi l'avvocato Ugo Forello, il segretario provinciale della Consap Igor Gelarda e l'ingenere Giancarlo Caparrotta.

I candidati del Movimento 5 Stelle si presentano -  VIDEO

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Mafia

      Rapinatore e killer mafioso dal destino segnato, la storia del boss Dainotti: "Uccidetelo"

    • Politica

      Strage di Capaci, Mattarella: "Ricordare Giovanni, Francesca e gli agenti non sia rito formale"

    • Cronaca

      Omicidio Dainotti, Valeria Grasso: "Irresponsabile lasciare liberi i boss"

    • Mafia

      Diciassette anni di tormenti: imprenditore denuncia il pizzo, 4 arresti ad Altofonte

    I più letti della settimana

    • Elezioni, via alle domande per gli scrutatori: 3 mila posti in palio

    • Presentate le liste a sostegno di Orlando: svelati i nomi dei primi 4 assessori

    • Maremoto in Sicilia, corruzione sul trasporto marittimo: indagato anche Crocetta

    • "Rolex e mazzette": indagate Simona Vicari e Marianna Caronia

    • "Dovevo nascere zingara": gaffe della Riolo su Facebook, poi la retromarcia

    • Vicari si dimette da sottosegretaria: "Farò chiarezza su quel regalo..."

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento