Corsa a Sala delle Lapidi: primo il M5S, bene Forza Italia e le liste orlandiane

Ugo Forello - sconfitto nella corsa a sindaco - si "consola" con il record assoluto di preferenze, seguito dal poliziotto Igor Gelarda. Orlando verso il bottino pieno al Consiglio comunale. Si difendono I Coraggiosi, flop di Cantiere Popolare e cuffariani

Sala delle Lapidi

La lista del M5S spicca per numero di consensi: i grillini vanno oltre il 13%. Ugo Forello, sconfitto nella corsa a sindaco, si "consola" con il record assoluto di preferenze. Segue il capolista Igor Gelarda, secondo alle comunarie proprio dietro Forello. Con l'8,6% dei voti complessivi, la lista di Forza Italia si piazza al secondo posto. Recordman di consensi - nell'ordine - Giulio Tantillo (riconfermato), Sabrina Figuccia (che riceve il testimone del padre Angelo) e Roberta Cancilla, in lizza per un posto con l'uscente Giuseppe Federico. All'opposizione andranno 15 scranni, più quello destinato a Fabrizio Ferrandelli giunto secondo nella corsa a sindaco. 

Nella coalizione di Orlando bene Mov139 (oltre l'8,5%), lista espressione del gruppo consiliare di maggioranza del Consiglio ancora per poco in carica. L'exploit tra i candidati lo fa Fabrizio Ferrara, cinque anni fa eletto con i ferrandelliani di Ora Palermo e in seguito passato al Pd: per lui oltre mille preferenze. Dietro c'è il presidente del Consiglio Totò Orlando. 

LEGGI ANCHE - LISTE E CONSIGLIERI: TUTTE LE PREFERENZE

Eccetto Alleanza per Palermo (vicina al traguardo del 5%) e Mosaico Palermo, le altre liste della coalizione di Orlando superano tutte lo sbarramento. A partire da Democratici e popolari: nella lista nata dalla fusione di Pd e Ap, i candidati consiglieri che raccolgono più preferenze sono Francesco Scarpinato, esponente degli alfaniani (circa 2.500 voti), e Dario Chinnici, candidato sponsorizzato dal sottosegretario Pd Davide Faraone, già consigliere di Circoscrizione. In Palermo2022 il più votato è l'uscente Giulio Cusumano: per lui si tratta di una riconferma a Sala delle Lapidi.

Ragguardevole il 7% di Uniti per Palermo, lista costruita dall'ex ministro Cardinale assieme ai deputati regionali Edy Tamajo e Salvo Lo Giudice. Gianluca Inzerillo e Ottavio Zacco che raccolgono un quarto dei voti totali della lista. In Sinistra Comune, che si attesta quasi al 7%, i più votati sono l’assessore uscente alla Mobilità Giusto Catania e Katia Orlando.

Oltre a Forza Italia, tra i sostenitori di Ferrandelli, varcano la soglia di Sala delle Lapidi I Coraggiosi e Per Palermo con Fabrizio. Oltre allo stesso Ferrandelli, che entrerà in Consiglio automaticamente come candidato sindaco perdente, c'è l'avvocato Volante finito nell'occhio del ciclone per la vicenda Pip. Bene Cesare Mattaliano, fedelissimo di Ferrandelli. A giocarsi un posto Vanni Randisi e Giovanni Tarantino. Male le liste Palermo prima di tutto, che non arriva al 3%, e Al centro, che non arriva nemmeno all'1%. Flop di Cantiere popolare e dei cuffariani. Fuori dal Consiglio comunale le tre liste espressione dei candidati sindaco cosiddetti minori: Centrodestra per Palermo, Siciliani Liberi e Spallitta sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

Torna su
PalermoToday è in caricamento