Partiti in marcia per le elezioni regionali, Faraone apre la sede della "Leopolda sicula"

Nelle intenzioni dell'esponente Pd sarà un "open space" per accogliere, nelle intenzioni del suo ideatore, "le migliori energie della Sicilia"

Non solo comunali. I partiti hanno iniziato le "grandi manovre" anche in vista della corsa alla presidenza della Regione. Davide Faraone, esponente Pd e sottosegretario alla Salute, annuncia l'apertura di una sede "permanente" della Leopolda Sicula nella centrale via Libertà. Il taglio del nastro è fissato per lunedì.

"“#Cambiamenti” diventa un luogo fisico - scrive su Facebook -  nasce lo spazio permanente della “#Leopolda sicula”. Vi avevamo promesso un nuovo inizio, un cambio di marcia, un nuovo anno all’insegna della condivisione e dell’innovazione, meno discorsi e più ascolto ed ecco la prima sorpresa… segnate sulle vostre agende il primo appuntamento del 2017: lunedì 16 gennaio, alle 17.30, inauguriamo 'Cambiamenti', uno spazio condiviso, stile coworking per liberare idee, desideri e per progettare la Sicilia del futuro. Sarà la sede permanente della Leopolda sicula, un 'open space' per accogliere le migliori energie della Sicilia. Si trova a Palermo, in viale della Libertà 64/A e sarà un viavai di idee, il posto dove i cambiamenti avranno finalmente spazio e dove i sogni potranno fare check-in. Questo luogo di idee e progetti si chiamerà 'Cambiamenti', lo stesso nome che abbiamo scelto per la scorsa 'Leopolda sicula', un sostantivo plurale e semplice, una parola dell’uso comune che sottende una molteplicità di strade, di interventi, di azioni in progredire. 'Cambiamenti' secondo me, esprime al massimo l’idea di ciò che serve alla Sicilia e al Sud oggi: “cambiamenti” che possono e devono venire dal basso, possono e devono aggredire una gestione stanca e rassegnata dell’isola. Possono essere piccoli, semplici, ovvi ma non per questo meno rivoluzionari. E tutti possiamo essere protagonisti di questa trasformazione, ciascuno per la propria parte".

"Per questo  - aggiunge - sono contento che da lunedì la discussione su quei 'cambiamenti' avrà un luogo predestinato in cui svolgersi, un pensatoio fisico in cui le idee possano venire fuori, possano respirare l’aria della realtà, possano provare il brivido della loro applicazione, possano mescolarsi, cambiare forma e modalità, possano influenzarsi e scoppiare di vita propria. Ma soprattutto un luogo che sia ritrovo di menti che fanno già grande la nostra terra con il proprio lavoro silenzioso e ordinario e che sia cantiere di futuro, di politiche attive che vadano incontro alla costruzione di una Sicilia in crescita coraggiosa, in cammino verso un domani di protagonismo, speranze e possibilità. Il taglio del nastro di 'Cambiamenti' sarà il primo di tanti appuntamenti che ci vedranno protagonisti in questo inizio del 2017. Perché al pensatoio fisico di viale della Libertà si affiancherà anche una community on line, una piattaforma digitale 'opensource' dove chiederemo a tutti di scrivere “una parte di codice” del nuovo sistema operativo per migliorare la Sicilia. E infine da 'Cambiamenti' il terzo appuntamento della Leopolda sicula che si terrà in primavera e che sarà anticipato da una giornata di lavoro a porte chiuse con cento innovatori nel campo dell’economia, della cultura, della politica, dell’arte e del sociale. Insomma, il 2017 che immagino è l’anno dell’innovazione per lasciarci alle spalle la conservazione, l’anno della condivisione per anteporre all’arroganza del singolare l’apertura del plurale, il noi all’io. È l’anno dei 'Cambiamenti'". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento