Cambio al vertice della Cgil palermitana: ecco i membri della nuova segreteria

Due i nuovi ingressi nell'esecutivo che per i prossimi due anni affiancherà il segretario Enzo Campo: Francesco Piastra e Anna Maria Tirreno. Riconfermati Alessia Gatto e Calogero Guzzetta

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Eletta oggi dall'assemblea generale la nuova segreteria della Cgil Palermo. Dopo il congresso che il 20 ottobre scorso ha confermato Enzo Campo alla guida della Cgil palermitana, oggi è stato ufficializzato il nuovo esecutivo che affiancherà per i prossimi anni il segretario generale. Il nuovo gruppo dirigente è stato eletto con oltre il 90 per cento dei consensi. Due i nuovi ingressi. Della squadra entrano a far parte Francesco Piastra, dall'aprile del 2015 segretario generale della Fillea Cgil Palermo e in precedenza segretario della Fiom Cgil Palermo, che ha seguito in questi anni tutte le vertenze del mondo edile e del comparto metalmeccanico, e Anna Maria Tirreno, cancelliere presso il Giudice di Pace di Palermo, da anni nel direttivo della Fp Cgil e della Cgil Palermo, già componente della segreteria Fp con delega alla Giustizia, Stato, agenzie fiscali e enti pubblici non economici e componente della delegazione nazionale trattate del ministero di Grazia e giustizia.   

Riconfermati nell'incarico la segretaria Cgil Alessia Gatto, dipendente del call center di Almaviva, che ha seguito in questi quattro anni i settori del  mercato del lavoro, delle politiche sociali, giovanili, territoriali e di genere, e  Calogero Guzzetta, segretario d'organizzazione, ex segretario generale della Flc Cgil Palermo, responsabile delle politiche organizzative, dei migranti, del coordinamento dei servizi e dei rapporti con Sunia, Federconsumatori e Auser.  

L'elezione è avvenuta alla presenza del segretario generale Cgil Sicilia Michele Pagliaro. “Da Palermo - ha detto il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo -  andremo in tanti alla manifestazione di Cgil, Cisl e Uil del 9 febbraio a Roma per sottolineare con la nostra presenza che la legge di bilancio del governo ha lasciato troppe questioni irrisolte a partire dallo sviluppo del Mezzogiorno, dai temi del lavoro, delle pensioni, del fisco, delle infrastrutture”. “Col nuovo esecutivo proseguiremo l'impegno per la crescita e lo sviluppo di Palermo e della nostra provincia – ha proseguito Campo - Apriremo una fase di  vertenzialità territoriale e sociale a partire dalla Sanità, con un monitoraggio delle strutture ospedaliere esistenti. Quello delle strade invivibili, con  interi comuni isolati, è un altro dei temi che non può più essere tralasciato, assieme a quello degli investimenti per le infrastrutture. Tra i nostri obiettivi prioritari il reinsediamento dell'industria manifatturiera, i servizi che possono diventare risorse, dall'acqua ai rifiuti,  e  il tema della precarietà, non solo di chi non ha un lavoro ma di chi ha un lavoro povero, come i tanti impiegati nelle cucine degli alberghi o dei ristoranti del percorso arabo-normanno che, dietro le luci della ribalta, prendono tre euro all'ora  per un lavoro di otto, dieci ore al giorno”.


 

Torna su
PalermoToday è in caricamento