Dimissioni Marchetti, De Filippis e Pellerito: "Alla città non serve la vecchia politica"

I due consiglieri della VII Circoscrizione non condividono la gestione delle nomine dell'Amministrazione comunale, soprattutto nelle società partecipate

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“NDeFilippis-2on è con la vecchia maniera di fare politica che si risolvono i problemi della città di Palermo. Le dimissioni da assessore al Bilancio dopo nemmeno cento giorni di governo di una personalità di grande competenza e autorità come quella del generale Ugo Marchetti, sono sintomatiche di come non ci sia stata quella tanto invocata rottura con il vecchio modo clientelare di fare politica, da parte dell’amministrazione comunale”. Lo dicono i Consiglieri della VII Circoscrizione, Eduardo De Filippis di Fli e Pietro Pellerito di Ora Palermo, in merito alle dimissioni del vicesindaco e assessore al Bilancio, generale Ugo Marchetti.

“La rifondazione delle società partecipate dal Comune deve passare attraverso nomine di alto profilo – concludono i due Consiglieri - e non collocando ai vertici i ‘soliti noti’, soltanto perché vicini all’amministrazione comunale”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento