Dissesto idrogeologico, 44 milioni per la Sicilia: fondi anche a Petralia Soprana e Baucina

I due Comuni del Palermitano tra i beneficiari delle risorse messe a disposizione dal ministero dell'Ambiente per la messa in sicurezza del territorio. Costa: "Stop alla logica dell'emergenza, spazio a progetti concreti per la prevenzione del rischio" 

Petralia Soprana

Ci sono anche Petralia Soprana e Baucina tra i Comuni che beneficieranno dei fondi del ministero dell'Ambiente (44 milioni in totale) per la mitigazione del rischio idrogeologico. Si tratta delle risorse destinate alla Sicilia attraverso gli atti integrativi agli accordi di programma sottoscritti con il ministero dell’Ambiente.

"Risorse immediatamente disponibili - ha affermato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa - per progetti già cantierabili, a dimostrazione che vogliamo agire non seguendo la logica dell’emergenza, ma attivandoci in maniera seria e concreta sulla prevenzione del rischio". Una mano tesa contro il dissesto idrogeologico in Sicilia per i deputati del Movimento 5 Stelle all’Ars. "Questa - dicono i deputati Giampiero Trizzino, Valentina Zafarana e Antonio De Luca - è la plastica dimostrazione della grande attenzione che questo governo riserva alle questioni ambientali, dopo il secco 'no' che il ministro Costa ha detto alle trivellazioni”.

Gli interventi finanziati nel Palermitano prevedono lo staziamento di 1,49 milioni a Petralia Soprana per la messa in sicurezza del versante sud-ovest del centro abitato e 398 mila euro a Baucina per il consolidamento del cimitero comunale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Incidente a Terrasini, scontro auto-moto: morto 38enne, grave una donna

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • "Addio Lando": è morto il proprietario del Break

Torna su
PalermoToday è in caricamento