Di Vita: “Dopo il mio esposto, la Procura di Palermo indaga sul caso Ismep”

Lo annuncia la deputata siciliana alla Camera, che sullo stop alla realizzazione del progetto ha presentato diversi atti parlamentari: "Aperta inchiesta sul caso dell’Istituto mediterraneo di eccellenza pediatrica siciliano mai ultimato"

Giulia Di Vita

“Dopo oltre un anno dall’esposto che ho presentato, la Procura di Palermo ha aperto un’inchiesta sul caso dell’Istituto mediterraneo di eccellenza pediatrica siciliano, voluto dal governo Cuffaro nel 2002 ma mai ultimato. Anzi è diventato un esempio di incompiuta per le trasmissioni televisive nazionali”. Lo annuncia la deputata siciliana alla Camera Giulia Di Vita, che sullo stop alla realizzazione del progetto dell’Ismep ha presentato diversi atti parlamentari. Tra gli ultimi, un’interpellanza al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e un question time al quale ha risposto il sottosegretario Davide Faraone. “Finalmente qualcosa si muove. Da due anni presento atti sull'Ismep chiedendo alla politica di fare chiarezza, di inviarmi le varianti di progetto, la rendicontazione dei 50 milioni già spesi col risultato finale di un cantiere fermo da 15 anni al fondo Malatacca e la società incaricata dei lavori fallita. L’unica risposta franca ma ovvia del ministero che ho ricevuto mi informa che l'Ismep non potrà partire nemmeno nel 2018”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La deputata segnala anche l’operazione di mascheramento a livello regionale: “Dal governo regionale le risposte più vergognose arrivano dall'assessore Gucciardi e dal dg Migliore che cambiano l'insegna del Di Cristina chiamandolo improvvisamente Ismep. Non una parola sul reale stato di (non) avanzamento dei lavori. Così sono stata costretta a rivolgermi alla Procura e alla Corte dei conti. Come al solito, la magistratura si muove prima della politica, nonostante in questo caso io stessa abbia dato alla politica, nazionale e locale, innumerevoli occasioni per agire ben prima e correre ai ripari”. Di Vita ha chiesto informazioni anche alla Corte dei conti sulla denuncia presentata per danno erariale: “Non mi sono state riferite per il principio di riservatezza previsto per l’attività istruttoria. Segno che anche i magistrati contabili sono a lavoro sul caso Ismep”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento