Nuovo duello a distanza Orlando-Salvini: "Cambiare suoi decreti", "Chiacchierone di sinistra"

Il primo cittadino ha detto di sperare che il governo attuale cambi i provvedimenti dell'ex ministro in materia di immigrazione. Immediata la replica: "Farebbe bene a occuparsi delle migliaia di donne e uomini di Palermo con problemi di casa e di lavoro"

A sinistra Leoluca Orlando, a destra Matteo Salvini

Il leader della Lega Matteo Salvini non è più vicepremier e non siede più al Viminale, ma anche se gli incarichi sono mutati non svanisce la rivalità a distanza con il sindaco Leoluca Orlando. Al centro dello scontro, per l'ennesima volta, i decreti Sicurezza. Nella polemica però scendono in campo tutti i vertici della Lega, compatti contro il Professore.

Tutto parte da una dichiarazione di Orlando che, da Berlino, si è augurato che "il governo cambi la legge di Salvini". Immediate le repliche. "Invece di girare il mondo per occuparsi di immigrati, Orlando farebbe bene a occuparsi delle migliaia di donne e uomini di Palermo con problemi di casa e di lavoro. Ennesimo chiacchierone di sinistra che il Popolo manderà a casa presto", risponde Salvini.  

Le missioni all'estero di Orlando nel mirino della Lega: "Non si occupa della città"

Il leader del Carroccio è seguito a ruota dal senatore e commissario del partito in Sicilia Stefano Candiani: "Ci mancava proprio il solito radical-chic, a spasso per l'Europa e a carico anche dei contribuenti siciliani, sempre pronto ad attaccare Salvini e i decreti sicurezza. Orlando, pessimo sindaco di Palermo, vorrebbe un'Europa come quella che vuole Carola Rackete, fatta di immigrazione a tappeto e zero regole: stia pure sereno, la Lega non lo permetterà e sarà sempre a fianco dei tanti cittadini che chiedono legalità e rispetto delle leggi. Torni presto a casa. Il collasso della discarica di Bellolampo, le buche delle strade cittadine o la paralisi amministrativa dello sportello unico delle attività produttive sono ancora li ad aspettarlo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Orlando - interviene in una nota Annalisa Tardino, europarlamentare siciliana della Lega - dice che 'Palermo è diventata la città più sicura d'Italia' grazie alla sua politica di accoglienza indiscriminata: di avviso diverso i cittadini palermitani, che si confrontano con una realtà quotidiana ben differente da quella illustrata dal sindaco, e che sono stufi della sua mancanza di progettualità per Palermo. Dall'emergenza rifiuti alla situazione delle periferie, alla mancanza di lavoro, questi i veri problemi della città di cui Orlando e la sua maggioranza farebbero bene a occuparsi trovando soluzioni concrete, invece che pontificare sull'immigrazione nei convegni in giro per l'Europa. Evidentemente non ha altri argomenti di cui parlare: ecco il classico esempio di quella sinistra lontana dai problemi della gente, di cui gli italiani si sono stufati, come hanno dimostrato a più riprese, a sostegno delle proposte della Lega e di Salvini. Arriverà anche il turno di Palermo e noi saremo pronti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

Torna su
PalermoToday è in caricamento