Davide Faraone va casa per casa: tappa al Centro vaccinale dello Zen | VISITA ANNULLATA

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

A causa della cancellazione del volo da Roma per Palermo con il quale il sottosegretario Faraone sarebbe arrivato in città questa mattina e dei conseguenti imprevedibili e consistenti ritardi l'appuntamento per la visita al centro Vaccini del quartiere Zen di Palermo previsto per le 10 di oggi è rinvio a data da destinarsi.

Doveva cominceare alle 10 del mattino dal centro vaccinale di via Luigi Einaudi, nel quartiere Zen, la giornata di Davide Faraone. Proprio il 27 luglio in Parlamento si definiscono gli ultimi dettagli per la reintroduzione dell’obbligo vaccinale. “Non vaccinare un figlio per paura di qualcosa che non è dimostrato o, al contrario non è una decisione ragionevole”. Lo ripete ad ogni occasione il Sottosegretario Davide Faraone quando parla di vaccini. Lo ripete parlando della sua esperienza personale come padre di una bambina autistica, lo ripete come sottosegretario. “Bisogna informare i genitore, far comprendere loro l’importanza di tutelare i figli con i vaccini che sono uno strumento di prevenzione formidabile, la più importante scoperta della medicina moderna”. E per spiegare queste cose è giusto trovarsi in uno dei quartieri più disagiati di Palermo dove è  forse necessario più che altrove far sentire presenza e vicinanza, portare informazione. “La Cassazione ha stabilito che anche giuridicamente non esiste legame fra vaccini e autismo. Una evidenza già chiara a livello scientifico. E’ ora di porre fine alle false notizie, è ora di dire basta definitivamente a chi diffonde paure infondate sui vaccini, all’antiscienza e a chi vuole riportarci nel medioevo. E’ un messaggio positivo quello che dobbiamo portare. Vaccinare è salute”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento