Comuni a rischio default, Chinnici (Iv): "Subito 5 miliardi oppure servizi in bilico"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“I Comuni italiani sono a rischio default e servono immediatamente cinque miliardi di euro per salvare servizi essenziali come rifiuti e trasporto pubblico: condividiamo il grido d’allarme dell’Anci, il governo nazionale deve intervenire immediatamente”. Lo dice Dario Chinnici, coordinatore provinciale di Italia Viva a Palermo.

“Gli enti locali sono con l’acqua alla gola - sottolinea Chinnici -. Il blocco delle attività economiche ha provocato una drastica riduzione della capacità fiscale dei Comuni che non hanno più entrate e non sanno nemmeno quando ne avranno di nuove, a Palermo come altrove. Servizi essenziali come il trasporto pubblico e i rifiuti sono fortemente a rischio, così come i bilanci e gli stipendi, per questo serve un intervento statale forte e coordinato. Gli amministratori locali sono in prima linea contro l’emergenza sanitaria ed economica, ma non possono essere lasciati soli in trincea. Servono inoltre interventi per far ripartire l’economia e le attività produttive o a risentirne sarà tutto il Paese”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento