Lo scontro sulla patente sanitaria per turisti, Figuccia: “Non ci lasceremo intimidire da Sala e Boccia”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Non ci lasceremo certo intimidire dalle posizioni del Ministro Boccia o dalle frasi ad effetto del sindaco di Milano Giuseppe Sala. La nostra priorità è difendere la salute pubblica dei siciliani e di creare le condizioni immediate per il rilancio dell’economia per cui è chiaro come la nuova ordinanza regionale, dovrà porre al centro il rispetto di un protocollo di sicurezza per i turisti in modo tale che questi possano trascorrere il soggiorno in Sicilia in piena sicurezza". Cosi Vincenzo Figuccia, deputato dell’Udc all’Ars e leader del Movimento Cambiamo la Sicilia, che aggiunge: "A dispetto di posizioni speculative dalle quali come siciliani prendiamo le distanze, l’idea di un certificato di negatività fungerebbe da filtro ad esodi e spostamenti di massa verso alcune aree del paese che rischierebbero ingolfamenti sistemici. L’ultima cosa che desideriamo è quella di fare tre passi indietro, soprattutto dopo che i siciliani hanno dovuto sostenere sacrifici immani. Già altri paesi europei e del mondo si stanno adoperando per l’idea di una certificazione di immunità che non intende affatto porre limiti alla circolazione, piuttosto a garantire tracciabilità e sicurezza in ordine all’insorgenza di nuovi focolai”.
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento