Coronavirus, la proposta della Lega: "Anche l'Ars tenga sedute online"

Per i deputati del Carroccio le riunioni devono svolgersi in via telematica: "Non ha senso costringere il personale dell'Assemblea, prima ancora che i deputati, a fare un assembramento che espone tutti a rischi di contagio"

"Il Parlamento regionale non può non dare il buon esempio. Non si facciano riunioni che possono svolgersi fatte per via telematica.
Oggi l'Ars deve riunirsi soltanto per ascoltare le comunicazioni del Governo e dibattere sull'emergenza: un'attività che può essere svolta in teleconferenza, esattamente come stanno facendo già le scuole e le università e anche diverse Giunte e Consigli comunali". Lo dicono i deputati della Lega all'Assemblea Regionale Siciliana con riferimento alla seduta prevista per stamani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Catalfamo, Caronia, Bulla e Ragusa, infatti "non ha senso costringere il personale dell'Assemblea, prima ancora che i deputati, a fare un assembramento che espone tutti a rischi di contagio". I quattro parlamentari danno comunque "piena disponibilità a essere presenti per discutere e votare nel momento in cui l'Assemblea sarà chiamata a varare provvedimenti, certamente urgenti, per supportare il nostro sistema sanitario, la nostra protezione civile e l'economia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Torna su
PalermoToday è in caricamento