Il decreto Rilancio è legge: fondi estesi alle ex zone rosse siciliane, c'è Villafrati

Nella versione definitiva del provvedimento, il fondo di duecento milioni di euro previsto originariamente per i territori delle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza è stato allargato a tutti i comuni dichiarati "zona rossa"

Villafrati

I comuni siciliani ex "zone rosse" di Villafrati (Palermo), Salemi (Trapani), Agira e Troina (Enna) potranno accedere alle misure di sostegno economico decise dal governo nell'ambito del decreto legge Rilancio. A darne notizia sono i sindaci delle quattro città siciliane che per circa quaranta giorni furono dichiarate "zona rossa" nella fase più acuta dell'emergenza Covid-19: i primi cittadini Domenico Venuti (Salemi), Franco Agnello (Villafrati), Maria Gaetana Greco (Agira) e Sebastiano Venezia (Troina) segnalano infatti la modifica effettuata dall'Esecutivo rispetto alla prima bozza del decreto.

Nella versione definitiva del provvedimento, con la bollinatura della Ragioneria generale dello Stato, il fondo di duecento milioni di euro previsto originariamente per i territori delle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi e Piacenza è stato allargato a tutti i comuni dichiarati "zona rossa" "sulla base di provvedimenti statali o regionali entro il 3 maggio". La ripartizione delle risorse avverrà in base alla popolazione residente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bollinato il decreto rilancio

"Un ringraziamento al governo che ha accolto le nostre richieste - affermano i quattro sindaci -. Sarebbe stato assurdo non riconoscere a tutti i territori italiani dichiarati 'zona rossa' le giuste attenzioni da parte dello Stato. A questo punto - proseguono Venuti, Agnello, Greco e Venezia - sarà fondamentale accelerare sulle procedure burocratiche. Non c'è tempo da perdere, è necessario immettere subito liquidità nel circuito economico per sostenere famiglie e imprese in questa fase delicata di ripartenza".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento