Regione sblocca le graduatorie: ripartono i contributi contro le barriere architettoniche

I fondi serviranno per realizzare scivoli, montascale o ascensori, per l'acquisto di ausili per la cura e l’igiene personale. Emessi i mandati di pagamento per 1,6 milioni di euro. L'assessore Scavone: "Via libera alle istanze di 365 famiglie arrivate da 115 Comuni”

La sede dell'assessorato alla Famiglia

L’Assessorato regionale della Famiglia e delle Politiche sociali sblocca le graduatorie 2009, 2010 e parte del 2011 relative all'erogazione dei contributi per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. “Abbiamo già emesso i mandati di pagamento, per un totale di 1,6 milioni di euro, con cui arriviamo a soddisfare - afferma l'assessore Antonio Scavone - le richieste di 365 famiglie dell’Isola pervenute da 115 Comuni".

Gli interventi finanziati riguarderanno i lavori necessari all’abbattimento delle barriere architettoniche, come la realizzazione di scivoli, montascale o ascensori, o l'acquisto di ausili per la cura e l’igiene personale. "Possiamo anche rassicurare i Comuni, cui va inoltrata la domanda di ammissione a beneficio, - ha aggiunto l'assessore- che ritireremo la circolare che impediva dal 2012 la presentazione di nuove istanze a causa della carenza di risorse poichè, dal soddisfacimento di tutte le richieste ad oggi pervenute, resteranno circa un milione e mezzo per finanziare nuove istanze”.

Tutto quuesto è stato possibile - spiegano dalla Regione - perchè, a seguito di una intensa interlocuzione con il ministero per le Infrastrutture "siamo riusciti a recuperare somme bloccate da anni, un totale di 4,4 milioni di euro per il quadriennio 2017-2020, e che vanno a finanziare le domande di cui alla legge n.13 del 9 gennaio 1989 le cui richieste erano ferme alla graduatoria del 2009 per la mancanza dei trasferimenti statali”.

Gli Uffici dell'assessorato stanno provvedendo a esitare tutte le richieste dalla graduatoria 2009 fino a parte di quella del 2011, mentre, non appena saranno disponibili le somme del 2019, arriveranno a completare anche quella del 2012. Il contributo riguarderà il cento per cento dell'importo per i lavori fino a 2,5 mila euro, il 25 per cento per la parte eccedente fino a 12,9 mila euro, e il 5 per cento per la parte fino a 51,6 mila euro. A potere presentare istanza, che non prevedeva alcun limite Isee, erano stati i disabili con difficoltà di deambulazione certificata da un medico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento