Consulta della Pace, Francesco Lo Cascio eletto portavoce

L'istituto è nato nel 2015. Il sindaco Leoluca Orlando: "E' un segmento della vita politica e culturale del nostro territorio che conferma la città al centro di una visione di vita e luogo di accoglienza, uguaglianza, integrazione e contro ogni tipo di violenza e discriminazione"

Prima seduta oggi per la Consulta della Pace, l'istituto approvato dal Consiglio comunale nel 2015, che ha rinnovato la carica di portavoce e di viceportavoce. Confermato alla carica principale Francesco Lo Cascio, mentre il suo vice è stato eletto Stefano Edward.  

La seduta si è svolta nel pomeriggio a Palazzo delle Aquile, dove erano presenti, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, il presidente del Consiglio comunale, Salvatore Orlando e l’assessore alle Culture, Adham Darawsha.

"La Consulta della Pace – commentano il sindaco Leoluca Orlando e il presidente del Consiglio Salvatore Orlando - oramai storico segmento della vita politica e culturale del nostro territorio conferma Palermo al centro di una visione di vita e luogo di accoglienza, uguaglianza, integrazione e contro ogni tipo di violenza e di discriminazione. La Consulta della Pace e la Consulta delle Culture, operanti a Palermo da alcuni anni sono in sinergia tra loro conferma e rafforzamento di una cultura del dialogo fra i popoli. A Francesco Lo Cascio e al suo vice Stefano Edward formuliamo gli auguri di un proficuo lavoro insieme a tutti i componenti della Consulta della Pace".

"Voglio ringraziare i componenti della precedente Consulta della Pace e augurare ai nuovi un identico e proficuo lavoro – dice Adham Darawsha. La Consulta della Pace e la Consulta della Culture rappresentano il simbolo della partecipazione democratica della nostra città in linea con la visione dell'amministrazione comunale".

"È un momento di festa allargare la partecipazione della società civile alle iniziative per la pace e i diritti umani – ha commentato Francesco Lo Cascio -. La consulta è raddoppiata nelle sue adesioni. Ora il nostro impegno andrà all'applicazione della nuova legge regionale per la  Cultura di Pace, alla realizzazione della rete Delle Ambasciate di pace coinvolgendo le città del Mediterraneo toccare dalla marcia mondiale della Nonviolenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento