Il premier Conte: "Ho parlato con Angela Merkel, la aspettiamo a Palermo"

Fervono i preparativi per la Conferenza internazionale sulla Libia che l'Italia sta organizzando nel capoluogo siciliano il 12 e 13 novembre. Il presidente del Consiglio: "Adesso sto completando, di persona, anche gli altri inviti"

Angela Merkel

“L’Unione africana ha assicurato che la presenza ci sarà e siamo quindi confidenti che la conferenza di Palermo sulla Libia sta procedendo molto bene. Ieri ho parlato anche con la Merkel, anche lei farà il possibile per esserci, soprattutto il 13 vedrà di passare e adesso sto completando anche gli altri inviti di persona”. A parlare è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso di un incontro con i giornalisti ad Addis Abeba, in Etiopia.

Fervono i preparativi per la Conferenza internazionale sulla Libia che l'Italia intende organizzare a Palermo il 12 e 13 novembre prossimi. La diplomazia italiana è al lavoro da settimane per assicurare una partecipazione ad alto livello di tutti gli attori coinvolti. “L’importante – ha aggiunto il premier – che ci sia un momento di confronto con tutti gli stakeholders più importanti. Il nostro obiettivo non è risolvere la crisi libica, saremmo troppo ambiziosi e sarebbe un’ambizione fuori luogo. In questo momento c’è bisogno che le autorità libiche e i principali stakeholders si siedano intorno a un tavolo e recuperino una road map che in questo momento si è persa verso la definizione di un processo di pace”.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha chiesto il sostegno dell’Unione africana per aumentare gli accordi sui rimpatri dei migranti. In Africa Conte ha incontrato il vicepresidente della Commissione dell’Unione Africana Kwesi Quartey. “È stato – ha spiegato Conte in un breve intervento in una cena con il primo ministro etiope Abiy Ahmed – un incontro molto importante, abbiamo ribadito l’importanza della conferenza sulla Libia che stiamo organizzando a novembre a Palermo. Ho invitato i vertici dell’Uninoe africana perché la loro presenza sarà determinante e abbiamo anche affrontato il tema dell’immigrazione perché ho chiesto all’Unione africana di farsi mediatrice per incrementare gli accordi sui rimpatri e avere un sostegno alla strategia che stiamo coltivando in Europa per la regolazione e la gestione dei flussi migratori. Vogliamo – ha concluso Conte – una Europa più forte e solidale e riteniamo che un ruolo cruciale possa svolgerlo anche l’Unione africana”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento