Oltre 300 dipendenti comunali verso la pensione: "Si rischia carenza di personale"

Audizione in commissione Bilancio degli uffici del Personale: tra "Quota 100" e normale quiescenza sono 309 i lavoratori che nel corso del 2019 potrebbero lasciare Palazzo delle Aquile. Chinnici: "Uffici rischiano di restare sguarniti". Terrani: "Integrare altre ore ai part-time"

Palazzo delle Aquile - foto Giusy Canale

L'effetto "Quota 100" rischia di svuotare Palazzo delle Aquile. Circa 300 dipendenti comunali sarebbero, infatti, in procinto di fare le valigie nel corso del 2019 grazie al provvedimento adottato dal Governo nazionale che consente di andare in pensione accumulando anni di anzianità e anni di servizio e totalizzando l’agognata “Quota 100“. La possibile carenza di personale negli uffici preoccupa il Partito Democratico, che chiede la creazione di tavolo tecnico per far fronte all’emergenza e per consentire che i servizi erogati dall’ente comunale non ricevano un’interruzione.

reset, chinnici (pd): “riaprire la mobilità orizzontale tra le partecipate”“I circa 300 pensionamenti al comune di Palermo, previsti per il 2019 tra quota 100 e normale quiescenza - afferma il capogruppo del Pd a Sala delle Lapidi Dario Chinnici, al termine dell’audizione in commissione Bilancio degli uffici del Personale - impongono una seria riflessione sul futuro dei servizi alla città: dobbiamo avere un quadro chiaro delle esigenze dell’ente, così da poter stabilire come impiegare le economie dovute ai pensionamenti. Per questo motivo ho chiesto insieme alla commissione la convocazione di un tavolo tecnico che metta insieme uffici, giunta e consiglio comunale – conclude Chinnici –. Palermo non può fare a meno dei suoi servizi e per questo non possiamo lasciare sguarniti gli uffici che saranno più in difficoltà”.

Sandro Terrani-2"Oggi in commissione Bilancio - dice invece Sandro Terrani (Mov139) - abbiamo voluto incontrare Il Dirigente al personale per capire i numeri relativamente bai risparmi di quota 100 e per la andata in quiescenza dei dipendenti comunali. Ad oggi i numeri riferiti in commissione dagli uffici del personale di attestano in 309 unità che andranno in pensione. Secondo il sottoscritto è un'occasione da non perdere per integrare altre ore ai dipendenti comunali che oggi hanno contratti part-time. Certamente questa è, oltre che un fatto di numeri è una decisione politica che per quanto mi riguarda porterò negli appositi tavoli che ci saranno nei prossimi giorni. Infatti - conclude - ho chiesto che ci sia un incontro con  l'assessore al Bilancio, l'assessore al Personale e il Ragioniere Generale per capire quali e quanti sono i margini di manovra".

C'è preoccupazione anche nel Gruppo Palermo2022. Tony Sala parla di "un’emorragia che non potrà non avere effetti nefasti sui servizi e sul Tony sala-2funzionamento degli uffici: ecco perché è necessario fin d’ora stabilire se riaprire la stagione dei concorsi o impiegare i 5 milioni di euro di economie per rispondere alle richieste legittime degli attuali dipendenti part-time o a tempo determinato, il cui apporto è assolutamente fondamentale. L’amministrazione - conclude Sala - deve avere le idee chiare prima dell’approvazione del prossimo bilancio di previsione, da cui dovrà emergere un’indicazione certa in tal senso”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Miglior street food di Palermo, arriva Alessandro Borghese con i suoi "4 Ristoranti"

  • Incidente a Belmonte, Bmw finisce fuori strada e prende fuoco: morti due ragazzi

  • Morte di Giuni Russo, le rivelazioni di Donatella Rettore in tv e la polemica: "Non dice la verità"

  • Via Maqueda, colpito alla testa mentre passeggia: grave 33enne

  • Rovigo, palermitano strangola e uccide la moglie di 23 anni

  • Mafia, sequestrato tesoro del boss Salerno: ci sono anche tabaccheria e focacceria

Torna su
PalermoToday è in caricamento