Rivoluzione al Comune di Gangi, nominata la nuova Giunta

Il sindaco Francesco Migliazzo ha scelto come nuovi assessori Maria Barreca, Giandomenico Lo Pizzo, Angela Seminara e Marcello Zaffora

Il sindaco Francesco Migliazzo con la nuova Giunta: Giandomenico Lo Pizzo, Maria Barreca, Angela Seminara, Marcello Zaffora e i due ex consiglieri comunali Santo Farinella e Rita Angilello

La Giunta comunale di Gangi cambia volto. Il sindaco Francesco Migliazzo ha nominato come nuovi assessori Maria Barreca, Giandomenico Lo Pizzo, Angela Seminara e Marcello Zaffora.

Barreca, veterinario e imprenditrice agricola, si occuperà di Sanità, agricoltura e zootecnia, servizi socio-assistenziali, pari opportunità, politiche giovanili, cultura, turismo. Ricoprirà il ruolo anche di vice sindaco.

All’ingegnere civile Giandomenico Lo Pizzo sono andate le deleghe ai lavori pubblici, urbanistica, territorio e ambiente, patrimonio e beni culturali e rigenerazione urbana, agenda digitale e comunicazione.

Angela Seminara, dottore commercialista sarà l’assessore al bilancio e finanze, programmazione economica, trasparenza amministrativa, politiche di integrazione e pubblica istruzione.

Marcello Zaffora, ragioniere, con le seguenti deleghe: attività produttive e commercio, sport, spettacolo, politiche occupazionali e iniziative per la valorizzazione del centro storico.

Migliazzo ha tenuto per sè le deleghe: personale, mobilità urbana, politiche sovracomunali, protezione civile, fondi comunitari.

"I neo assessori - si legge in una nota - sono stati scelti dal primo cittadino fra i sei consiglieri comunali decaduti dal loro ruolo dopo le dimissioni di sei consiglieri della lista Siamo Gangi. Una scelta necessaria e responsabile per dare una nuova governance alla città e trovare una soluzione ai problemi che gravano su di essa e dare una prospettiva di crescita, civile, culturale, economica, sociale e politica a tutta la comunità".

“In una situazione così grave - spiega Migliazzo - le mie dimissioni potevano essere una naturale conseguenza per la risoluzione della crisi, ma più importante e urgente è il senso di responsabilità nei confronti di quanti due anni fa mi hanno consegnato l’onore e l’onere della guida della città, a un sindaco spetta innanzitutto di rispettare la delega ricevuta dagli elettori onde evitare, un ulteriore vuoto istituzionale con l’arrivo di un nuovo commissario che si sarebbe aggiunto al già incaricato commissario per il Consiglio comunale. Ringrazio i sei consiglieri comunali, e quanti con loro, da assessori o in altri ruoli, sapranno collaborarmi per sostenere politiche attive per la crescita di Gangi. Era necessario non lasciare vuota del nostro ruolo la dimensione territoriale all’interno della quale si gioca la sopravvivenza delle nostre comunità. A tutti la mia stima, il mio ringraziamento e gli auguri di buon lavoro. Uguale senso di gratitudine intendo esprimere a quanti, assessori, consiglieri comunali, esperti e consulenti, hanno condiviso con me questi due anni di lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento