Comune, proroga del servizio a Rap: nel nuovo contratto salta la manutenzione stradale

L'accordo con la società d'igiene ambientale, in scadenza lunedì, viene allungato dalla Giunta sino al 31 dicembre. Nel frattempo il Consiglio dovrà approvare il nuovo contratto che prevede un affidamento della raccolta rifiuti per 15 anni. Dal primo gennaio 2020 la cura di strade e marciapiedi passerà ai privati

Prorogato fino al prossimo 31 dicembre il contratto di servizio della Rap, in scadenza lunedì. Lo ha deciso la Giunta comunale, che contestualmente ha anche adottato un nuovo schema di contratto con la società d'igiene ambientale. La novità principale è l'affidamento all'esterno (leggasi privati) della manutenzione stradale, a partire dall'1 gennaio 2020, con il sistema dell'accordo quadro.

Mollare la cura di strade e marciapiedi è stato sin da subito uno dei mantra dell'amministratore unico di Rap Giuseppe Norata, secondo cui l'azienda si deve occupare solo di rifiuti. La Giunta ha condivso questa impostazione, aprendo la strada ai privati.

Il nuovo contratto di servizio, che dovrà passare all'esame del Consiglio comunale, prevede un affidamento della raccolta rifiuti a Rap per 15 anni. Al quale si aggancia il piano industriale e quello del fabbisogno; mentre il budget 2019 è stato accantonato dopo la nota dei revisori dei conti che hanno certificato uno squilibrio di 10 milioni in bilancio dovuto ai maggiori costi in capo a Rap per il trasferimento dell'immondizia fuori da Bellolampo (dove non si può conferire per la saturazione della sesta vasca). Bisogna infatti verificare se il bugdet programmato sia compatibile o meno con la nuova situazione dei conti del Comune.

"Si tratta di un atto strategico che comprende tutti i documenti di programmazione aziendale, motivando le ragioni del nuovo affidamento e prorogando il contratto in essere fino alla fine dell’anno, termine entro cui il Consiglio comunale dovrà approvare il nuovo contratto di servizio. Affidare il servizio a Rap per i prossimi 15 anni è una scelta politica: il Comune continua a investire sul servizio pubblico, più efficiente ed economicamente conveniente rispetto ad una gestione privata" così l’assessore all'Ambiente Giusto Catania, che aggiunge: "All’interno della delibera, sono stati fissati anche gli obiettivi specifici affidati all’amministratore unico per il 2019 e per gli anni successivi, al cui raggiungimento sarà agganciata la parte variabile del compenso".

La Rap da ora in poi dovrà dimostrare di aver raggiunto entro il 31 dicembre obiettivi specifici. Ciò determinerà il compenso da erogare all'amministratore unico per la parte variabile. Nel dettaglio, la Rap dovrà estendere il "porta a porta" ad altre 30 mila persone, istituire altri 4 Centri comunali di raccolta, avviare la differenziata in scuole, uffici e ospedali raggiungendo il 100% entro il 2020. Sul fronte investimenti, il piano industriale approvato in Giunta prevede lo sviluppo ed ampliamento in chiave tecnologica dell’impianto di Bellolampo, un ammodernamento tecnologico del parco mezzi ed interventi per la sicurezza dei luoghi di lavoro. Entro dicembre inoltre Rap dovrà incrementare il trattamento dell’organico di altre 150mila tonnellate e dovrà avere un piano per il controllo dei mezzi aziendali. 

Nell'ambito riorganizzazione aziendale, è prevista la nomina di un direttore generale, un piano di comunicazione per 200 mila abitanti, l’assegnazione di obiettivi anche per i dirigenti. All’amministratore Giuseppe Norata è poi chiesto di presentare, sempre entro il 2019, un nuovo piano di spazzamento meccanizzato diurno e notturno, con l’individuazione delle scelte tecnologiche più idonee e l’individuazione di almeno 16 itinerari giornalieri.

"Per tutti - conclude Orlando - è arrivato il tempo di assumere responsabilità chiare e personali, sulla base ovviamente delle proprie competenze ed esperienze e nell’ottica di un miglioramento della produttività e dei risultati che l’azienda restituisce ai cittadini contribuenti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • Papireto, tenta suicidio ma si schianta al piano di sotto: ferita una donna

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

  • Travolto e ucciso in bici il pm che fece condannare Totò Riina e lottò contro i corleonesi

Torna su
PalermoToday è in caricamento