Carta d'identità elettronica, dopo un anno ci siamo: attivate le prenotazioni

Dopo numerosi rinvii ecco la prima data utile: il 6 novembre. Al momento i cittadini potranno avviare l'iter per il rilascio del documento in formato digitale solo presso l'Anagrafe di viale Lazio. Con il via agli appuntamenti per gli utenti, anche Palermo si allinea così alle grandi città d'Italia

Il 6 novembre sarà la prima data utile per richiedere la Carta d'identità elettronica (Cie). Dopo numerosi rinvii, sono state attivate le prenotazioni per la presentazione della domanda negli uffici comunali. C'è voluto un anno rispetto all'iniziale tabella di marcia del Comune per richiedere il primo appuntamento: l'entrata in vigore della Cie era stata programmata a novembre 2018; poi è slittata di mese in mese, con l'ultimo "stop and go" lo scorso ottobre a causa di macchinari mancanti o guasti.

Con il via agli appuntamenti per gli utenti, anche Palermo si allinea così alle grandi città d'Italia. Al momento i cittadini potranno avviare l'iter per il rilascio del documento in formato digitale solo presso l'Anagrafe di viale Lazio, ma in settimana saranno attivate anche le altre postazioni decentrate. 

La Cie avrà la forma di una carta di credito e sarà dotata di un microchip: la componente elettronica consentirà la protezione dei dati anagrafici, della foto e delle impronte digitali del titolare. L'acquisizione delle impronte digitali è un'altra delle novità introdotte. L'impiegato comunale adopererà un sensore di rilevazione sul quale il cittadino dovrà poggiare le proprie dita: prima l'indice della mano destra e poi l'indice della mano sinistra. La rilevazione delle impronte digitali è prevista per ciascun cittadino di età maggiore o uguale a 12 anni. La Cie, oltre ai dati anagrafici, riporterà il codice fiscale e gli estremi dall’atto di nascita. Inoltre, permetterà di accedere ai servizi online delle  pubbliche amministrazioni e di passare i controlli elettronici ai varchi aeroportuali.

Il primo passo per ottenere il nuovo documento è prenotare un appuntamento tramite il sito http://www.prenotazionicie.interno.gov.it. Si tratta del sistema "Agenda Cie", che rilascerà una ricevuta da stampare e consegnare al Comune il giorno della presentazione della richiesta. All'ufficio Anagrafe, il cittadino potrà presentarsi con la tradizionale fototessera in formato cartaceo oppure con una foto elettronica su pendrive Usb. La definizione immagine dovrà essere almeno 400 dpi e la dimensione massima del file 500 kb. Le foto digitali dovranno essere in formato Jpg. La Cie costerà 22,20 euro, mentre il duplicato 27,35 euro. In entrambi i casi 16,8 euro andranno versati dal Comune al ministero dell’Interno. Il costo potrà essere pagato in contanti o tramite Pos (non appena saranno attivi). Non sono ammessi bonifici. Per i maggiorenni, la carta d'identità elettronica sarà valida 10 anni; mentre avrà durata di tre anni per i minori sotto i 3 anni, e una durata di 5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e 18 anni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'utente potrà scegliere se ricevere la Cie a casa oppure ritirarla presso uno sportello comunale. Il tempo di attesa è di non meno di sei giorni dalla conclusione di tutto l'iter. La Cie sarà rilasciata dall'Istituto poligrafico e zecca dello Stato, mentre la consegna sarà curata dalla società Sogei. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Torna su
PalermoToday è in caricamento