"La candidatura di La Vardera tutta una finzione", e con Benigno finisce in rissa

Il candidato avrebbe girato per tutti questi mesi con una telecamera nascosta, con l'obiettivo di realizzare un film/documentario sui retroscena della politica palermitana. Dietro la regia delle Iene. Vozza: "Un criminale che ha truffato i palermitani". Meloni e Salvini infuriati. I carabinieri intervengono in via Ausonia

Francesco Benigno con i carabinieri in via Ausonia - Foto Igor Petyx

Si è presentato agli elettori con un video, come fece nel '94 Silvio Berlusconi, affermando che il suo maestro era Gesù. Sei mesi dopo si trova in ospedale con il collare dopo una rissa con Francesco Benigno. Le voci erano iniziate qualche settimana fa: la candidatura a sindaco di Ismaele La Vardera è stata tutta un bluff. Fin dal principio l’idea sarebbe stata quella di realizzare un documentario/servizio dove “il ragazzo col ciuffo rosso” interpreterebbe la parte di se stesso. Dietro la regia delle Iene, che avrebbero finanziato tutto. L'obiettivo: raccontare i retroscena e i particolari della campagna elettorale palermitana. In tutti questi mesi La Vardera avrebbe girato con microfoni e telecamere nascoste per carpire segreti e retroscena dei politici. Avrebbe registrato tutti: da Cuffaro a Miccichè, da Orlando a Ferrandelli. In queste ore c'è imbarazzo all'interno degli staff degli altri candidati sindaco.

LA REPLICA DI LA VARDERA | VIDEO

LEGGI ANCHE: LA REAZIONE DEGLI ALTRI CANDIDATI SINDACO

La Vardera avrebbe tenuto all’oscuro di tutto non solo i candidati della sua lista, ma anche i suoi più stretti collaboratori. Ragazzi e ragazze dello staff che lo hanno accompagnato sin dall’inizio della sua avventura. Furente Francesco Vozza, referente provinciale di Noi con Salvini, e candidato nella lista che appoggiava la candidatura di La Vardera. “Si tratta di un complotto ai danni degli elettori palermitani – afferma Vozza a PalermoToday -, non solo per quei pochi (circa 7.000 ndr) che l’hanno votato. E’ stata tutta una finzione, pagata dalle Iene. Ha iniziato con un programma fasullo (copiato dal candidato sindaco di Segrate). Ha sempre girato con un cameraman al soldo della trasmissione di Italia Uno, dicendo invece che era un suo amico. Si tratta – conclude Vozza – di un truffa ai danni degli elettori palermitani. Siamo a una situazione assurda. E' un criminale che ha tradito il popolo palermitano”.

LEGGI ANCHE: L'INDIGNAZIONE DEI PALERMITANI: "HA PRESO TUTTI PER IL C..."

Matteo Salvini e Giorgia Meloni sono infuriati. Pare che La Vardera abbia chiesto la liberatoria alla leader di Fratelli d’Italia per le riprese che la riguardavano, ma che questa abbia risposto picche. E proprio la liberatoria sarebbe alla base della rissa con Francesco Benigno. La Vardera, all’interno dei locali del Comitato elettorale di via Ausonia, avrebbe confessato la verità all’attore. Chiedendo anche a lui il permesso di mandare le immagini che lo riguardavano. A quel punto un amareggiato Benigno (che credeva veramente nel sogno politico) ha chiesto di poter continuare la discussione in privato, chiedendo di far uscire gli operatori che in quel momento erano nella stanza.

manifesto-la-vardera-624x312-2

A questo punto le versioni sono discordanti: La Vardera sostiene che Benigno avrebbe aggredito sia lui che i cameraman. Mentre l’attore palermitano sostiene di aver solamente reagito dopo che la sua compagna, infastidita dalla presenza dei cameraman, è rimasta ferita a una gamba dopo essere stata spinta da uno degli operatori. Lui avrebbe solamente strappato loro le telecamere. La Vardera quindi avrebbe inscenato tutto. Sull’accaduto faranno luce i carabinieri che sono intervenuti in via Ausonia. Una storia paradossale insomma. Che – siamo sicuri – riserverà ancora tante sorprese. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento