Natale a Brancaccio: sinergia tra imprenditori, scuola e istituzioni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Natale a Brancaccio sinergia tra imprenditori scuola e istituzioni. Natale a Brancaccio. I bambini della scuola elementare addobbano un albero in Piazza dei Signori. Questa mattina, a Brancaccio, i bambini della scuola elementare Orestano hanno addobbato, con le loro personalissime creazioni, un albero di Natale nella transitatissima Piazza dei Signori, in via Giafar. L'albero, omaggiato dalla Ripartizione Villa e Giardini del Comune di Palermo, è stato illuminato grazie al contributo gratuito del bar Maredolce, che sorge a pochi metri dal luogo ove è stato posto il pino natalizio.

Prezioso il contributo apportato dai consiglieri Inzerillo (comune) e Viscuso (circoscrizione), i quali hanno promosso, coordinato ed in parte finanziato la realizzazione dell'opera. "Da questa notte - dice Inzerillo - Brancaccio sarà illuminata da nuove luci, le luci della speranza. Abbiamo a cuore il territorio e la sua valorizzazione. Abbiamo scelto questo luogo, infatti, perché a pochi metri, - prosegue il consigliere comunale -, insiste un bene monumentale di straordinaria importanza, il Castello di Maredolce, (Palazzo della Favara, ndr) di origine arabo-normanno, per il quale ci batteremo nelle prossime settimane perché vengano presto ultimate le opere di restauro così da consegnarlo alla fruizione della collettività internazionale".

"Sebbene simbolicamente - aggiunge Viscuso - la presenza nel territorio di questo albero rappresenta la proficua e sinergica collaborazione che può e deve intervenire tra istituzioni, scuola e cittadini, al fine di migliorare la vivibilità territoriale e sociale del quartiere. Qualche volta - chiosa il consigliere circoscrizionale - Brancaccio sa distinguersi per iniziative positive, dando prova di una significativa presenza di persone oneste e perbene".

Torna su
PalermoToday è in caricamento