Auto elettriche, bando del Comune per installare in città le colonnine di ricarica

La prossima settimana la pubblicazione: entro 30 giorni le aziende interessate potranno farsi avanti. Previsto un incasso di circa 200 mila euro dalle concessioni. Catania: "Palermo sempre più ecologica". Un centinaio i punti per il rifornimento delle vetture, ecco dove

Alcune auto elettriche del car sharing

L'amministrazione Orlando "scommette" sulla mobilità elettrica. Lo fa con un bando, rivolto a gruppi che vendono energia, per l'installazione in città di una rete di colonnine per la ricarica delle vetture elettriche e ibride. Il Comune, in sostanza, mette a disposizione piccole porzioni di suolo pubblico dove piazzare 202 impianti per 101 punti di rifornimento. Un'operazione a costo zero per Palazzo delle Aquile, che anzi dalle concessioni del suolo pubblico (di durata quinquennale) potrebbe incassare circa 200 mila euro.

"Continuiamo a lavorare per rendere Palermo, sempre di più, una città ecologica. La mobilità elettrica rappresenta un investimento irreversibile per il futuro della città con l'obiettivo esplicito di migliorare la qualità degli spostamenti urbani e diminuire le emissioni inquinanti". A dirlo è Giusto Catania, assessore comunale alla Mobilità e all'Ambiente, che aggiunge: "La città sarà dotata di un sistema capillare di colonnine di ricarica elettrica per la mobilità privata e allo stesso tempo l’amministrazione ha già previsto che, in vista dei prossimi investimenti extracomunali sul trasporto pubblico di massa, l’azienda Amat abbia una consistente flotta di autobus elettrici".

Entro 30 giorni dalla pubblicazione del bando (prevista la prossima settimana), le aziende interessate potranno farsi avanti. Sarà poi l'amministrazione a valutere sulla base dei servizi offerti, del prezzo praticato, del tipo di energia utilizzato. Le imprese partecipanti devono dimostrare di aver "realizzato e gestito, a pena di esclusione, nell’ultimo quinquennio almeno cinquanta impianti analoghi a quelli oggetto del bando". L'azienda vincitrice si impegna a versare la Tosap al Comune oppure ad Apcoa e Amat se le centraline ricadono in zone di loro competenza. Chi otterrà la concessione potrà gestire direttamente il rifornimento oppure affidarsi a terzi.

Lo schema di convenzione prevede che "il sistema di gestione di ciascun operatore deve permettere di visualizzare gli impianti di ricarica disponibili, permetterne la prenotazione, segnalare guasti, malfunzionamenti o comportamenti scorretti da parte di altri utenti. Tutte le funzionalità dovranno essere disponibili tramite una apposita applicazione per smartphone e tablet". Le colonnine di ricarica avranno una struttura con una base non più grande di mezzo metro quadrato e due stalli per la sosta. Per fare rifornimento non sarà necessario registrarsi o possedere una smartcard, mentre sarà possibile pagare con bancomat o carte di credito e debito.

Ad ogni impianto corrispondono due stalli di sosta che sono stati individuati nei parcheggi cittadini, nelle zone blu, in prossimità delle fermate del passante ferroviario, nelle varie circoscrizioni e nei porti. Due impianti (dunque 4 stalli di ricarica) in ogni parcheggio di via Basile (Università), Nina Siciliana, viale Francia, via Belgio,via De Gasperi-Stadio, piazzale Giotto, via Paulsen, piazzale Ungheria, piazza Unità d’Italia, viale Galatea, parcheggio pubblico Forum, parcheggio pubblico Conca d’Oro, parcheggio La Torre, parcheggio fermata passante ferroviario Sferracavallo, quello della fermata del passante ferroviario a Tommaso Natale. E poi è prevista una colonnina nelle vie Serradifalco, Zisa, Saline (Mondello), Fattori, Schillaci (Sferracavallo), Rutelli, generale Di Maria, Mongibello, piazza Spinuzza, fermata passante ferroviario Ente minerario siciliano, fermata passante ferroviario via Germanese. Infine, due impianti per ogni zona blu di sosta tariffata, 2 impianti per ogni circoscrizioni in aree diverse dalle zone blu e un impianto in prossimità di porti e approdi minori: da Mondello all'Arenella, da Sant'Erasmo a Vergine Maria.

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Commercio a Palermo, nelle vie "in" affittare un negozio costa anche 165 mila euro l'anno

  • Sognando la villa con piscina a Mondello, costi e tempi per averne una in giardino

I più letti della settimana

  • "Questo è per lei", pacco sospetto consegnato in spiaggia alla moglie di un carabiniere

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Incidente sulla Palermo-Sciacca, frontale fra due furgoni: grave un quarantenne

  • Turista denuncia sera da incubo alla Vucciria: "Trascinata in auto e palpeggiata"

  • Cantante neomelodico oltraggia Falcone e Borsellino su Rai2: scatta indagine interna

Torna su
PalermoToday è in caricamento