Rifiuti, aumento della Tari per i Comuni al palo con la differenziata? "No a batoste per i cittadini"

Per gli enti che non raggiungono il 65% di raccolta differenziata - come Palermo - potrebbe scattare l'addizionale del 20%. Vertice all'assessorato dell'Energia con sindaci e gestori delle discariche. Il Movimento 5 Stelle: "La Regione trovi strade alternative"

Rifiuti abbandonati in via Cerda nell'area del "porta a porta"

I Comuni che non arrivano al 65% di raccolta differenziata (Palermo è tra questi) potrebbero essere costretti dalla Regione ad aumentare la Tari. Lo spauracchio di una batosta per i contribuenti sarebbe l'addizionale del 20%, un tributo speciale per il deposito dell'immondizia in discarica. L’assessorato dell’Energia e Rifiuti ha convocato per mercoledì i sindaci e i gestori degli impianti di smaltimento dei rifiuti urbani delle Città metropolitane e dei Liberi consorzi sul tema dell’applicazione dell’addizionale del 20%.

"Non si possono scaricare sui Comuni, e di conseguenza sui cittadini, le inefficienze della Regione. Se i livelli di differenziata in Sicilia sono mediamente ridicoli, la colpa non è certo dei cittadini, che finirebbero per pagare con un aumento delle tariffe le colpe del governo regionale che non è riuscito a mettere in campo idonee strategie per incentivare la differenziata". Lo affermano i deputati del M5S all’Ars, componenti della commissione Ambiente, Nuccio Di Paola, Stefania Campo, Valentina Palmeri e Giampiero Trizzino, che chiedono al governo regionale "battere tutte le strade alternative possibili prima di far scattare l'addizionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Tra l’altro - concludono i deputati pentastellati - l’aumento non servirebbe a far lievitare il servizio di raccolta, ma finirebbe solo col penalizzare i cittadini corretti che già differenziano e pagano un'enormità la Tari. E' impensabile infatti che chi attualmente evade la tassa, e sono tantissimi in Sicilia, pagherebbe con gli aumenti. E' vero, semmai, il contrario".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Mercatini, spiagge e pulizia delle strade: ecco il lavoro per i percettori del reddito di cittadinanza

Torna su
PalermoToday è in caricamento