Taglio vitalizi, M5S: “La campagna elettorale è finita e Miccichè non ha più scuse”

I pentastellati hanno depositato all’Ars un ddl che recepisce pienamente lo schema del testo di legge approvato dalla conferenza Stato-Regioni: "La casta è affezionatissima ai tanti privilegi che si è garantita nel corso degli anni"

Palazzo dei Normanni

“Miccichè si dia una mossa, la finisca di accampare scuse, il taglio dei vitalizi va fatto subito. Noi la nostra proposta l’abbiamo depositata oggi all’Ars come disegno di legge che recepisce pienamente lo schema comune del testo di legge attuativo approvato in sede di conferenza Stato-Regioni lo scorso 3 aprile”. I parlamentari regionali del Movimento cinque stelle tornano alla carica per il taglio dei vitalizi.

“Benché Miccichè prenda tempo – affermano Giancarlo Cancelleri e Jose Marano, i due deputati componenti della commissione speciale che dovrà decidere la sorte degli assegni degli ex deputati -  il termine ultimo per evitare sanzioni per l’approvazione del taglio dei vitalizi, considerato pure il mese di proroga concesso, è il 30 maggio. Per eliminare ogni alibi noi oggi abbiamo presentato una dettagliatissima proposta all’Ars, i partiti invece continuano a dormire e a cercare di scaraventare la palla in tribuna, facendoci correre il rischio di incorrere nei pesantissimi tagli previsti dalla legge di stabilità nazionale sotto forma di riduzione dei trasferimenti statali, che ai siciliani potrebbero costare la bellezza di milioni di euro e tagli e cancellazioni di servizi anche essenziali”.   

cancelleri marano-2“Nonostante siamo all’immediata vigilia di questa scadenza - continuano Marano e Cancelleri – qui non si muove foglia e la commissione che dovrebbe occuparsi della rimodulazione degli assegni non ha nemmeno nominato il presidente. E dire che tutte le scuse sono ormai cadute, compresa quella dell’incostituzionalità dei tagli, come ha statuito di recente pure la Consulta con una sentenza relativa al Trentino Alto Adige. Non regge nemmeno - continuano i due deputati - la scusa che si vogliono affamare i percettori dei vitalizi, visto che, come contemplato dal nostro ddl, l’assegno minimo previsto è il doppio del trattamento minimo dell’Inps, e cioè 1026 euro più una percentuale da stabilire in funzione della differenza tra l’assegno percepito attualmente e quello definito in seguito alla rimodulazione”.

“La verità – continuano Marano e Cancelleri – che la casta è affezionatissima ai tanti privilegi che si è garantita nel corso degli anni. Ma devono spiegarlo ai siciliani, in particolare a chi, dopo una vita di lavoro, deve andare in pensione con cifre anche molto al di sotto di mille euro, mentre ci sono deputati che portano a casa assegni di tutto rispetto anche con pochi giorni di lavoro. E in tutto questo Musumeci continua a tacere. Ma ormai ci abbiamo fatto l’abitudine. Quando ci sono vicende scomode, lui perde sistematicamente la favella”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

Torna su
PalermoToday è in caricamento