L’Ars taglia consiglieri comunali e gettoni, ma dalle prossime elezioni

L'assemblea ha approvato una riduzione pari a circa il 20 per cento dei compensi dei politici locali. Ma un emendamento dei deputati Rinaldi, Sudano e Alloro (Pd) rinvia l'applicazione della norma alle prossime consiliature. Bocciato quello per l'aumento delle ore di permesso lavorativo

Seduta all'Ars (foto archivio)

Tagliati i gettoni dei consiglieri comunali, ma solo a partire dalle prossime elezioni. Approvata all’Ars la norma che punta alla riduzione dei compensi dei politici locali equiparandoli a quelli dei colleghi del resto d’Italia. Ieri, invece, è stato votato l’articolo che riduce le poltrone nelle amministrazioni locali.

Nel caso del capoluogo palermitano, lo stipendio del primo cittadino passerà da 8.450 a 7.000 mila euro, mentre quello degli “inquilini” di Sala delle Lapidi da 2.543 a 1.754 euro lordi. Inoltre il numero dei consiglieri nelle amministrazioni delle grandi città sarà ridotto del 20 per cento: a Palermo si passerà da 50 a 40. La legge prevedeva che i tagli diventassero effettivi sin da subito, ma un emendamento ha “salvato” gli stipendi attuali.

A firmarlo sono stati Franco Rinaldi, Valeria Sudano e Mario Alloro, esponenti del Partito democratico, che rinvia il tutto al prossimo rinnovo dei consigli. Provvedimento che, dunque, sarà applicato a partire dal 2016 in tutti i comuni che andranno al voto. Per Palermo, invece, bisognerà attendere il 2017. Bocciato l’emendamento proposto da Pietro Alongi (Ncd) con il quale chiedeva di ampliare il permesso lavorativo dei consiglieri: “Così si ostacola la partecipazione democratica alla vita amministrativa”.

Lo aveva definito “un emendamento di buon senso” quello con il quale si chiedeva di portare da una a due ore, prima e dopo la seduta di un consiglio comunale, il tempo di permesso dal lavoro che un consigliere poteva chiedere. “Nulla vieta a un eletto di Bagheria o di Termini di lavorare nel Trapanese. Ebbene, mi pare difficile (o quantomeno pericoloso) che in un'ora questi possa raggiungere il proprio municipio di appartenenza per partecipare alla seduta del consiglio comunale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento