All'Ars primi passi per il taglio dei vitalizi, ma la riforma dei rifiuti slitta ancora

Il ddl sul taglio dei contributi pronto per l'Aula, ma Palazzo dei Normanni dribbla uno dei temi bollenti: il sistema rifiuti, sul quale nelle sedute precedenti il governo ha incassato una pesante bocciatura. Arriva in commissione invece la proposta di abolizione del voto segreto voluta da Musumeci

Rifiuti, vitalizi e voto segreto. Sono i tre punti su cui sarà impegnata l'Assemblea regionale nei prossimi giorni. Dopo una settimana nervosa, segnata dal ko incassato dal governo Musumeci sulla riforma dei rifiuti e dalla conseguente presa di posizione del governatore sull'abolizione del voto segreto, l'Ars ricomincia proprio dai temi "caldi".

Ricomincia sì, ma in modo "cauto". Da un lato la discussione sul ddl rifiuti slitta, dall'altro si ha un'accelerazione sul taglio dei vitalizi. Dopo una breve seduta, ieri il presidente Gianfranco Miccichè ha aggiornato l'Aula a martedì 19 novembre, alle 16, "quando - ha sottolineato - per prima cosa tratteremo i vitalizi". Sarà possibile presentare gli emendamenti fino a lunedì. Convocata invece già ieri sera la commissione Regolamento, di fatto il primo passo per discutere l'abolizione del voto segreto.

E sullo fondo c'è la nuova "geografia" dei gruppi, con la nascita di Sicilia Futura-Italia Viva e l'ingresso nelle sue fila dei deputati Luca Sammartino e Giovanni Cafeo che lasciano così il Pd.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento