Appello di Orlando agli italiani: "Siate partigiani della Costituzione, Salvini pericolo per la democrazia"

La Giunta approva un documento in difesa dei diritti. L'invito del Comune a sindaci e cittadini arriva alla vigilia della visita del ministro dell’Interno in Sicilia in occasione della festa della Liberazione: "Dal Governo atti che aprono a scenari inquietanti per il futuro del nostro Paese"

Un invito ad essere “partigiani della Costituzione”, per salvaguardare libertà e democrazia. A lanciarlo è la Giunta comunale attraverso un atto, approvato all’unanimità, che il sindaco Leoluca Orlando invierà a tutti i primi cittadini d’Italia, all’Anpi, ai vertici delle istituzioni nazionali ed europee. L’appello arriva alla vigilia della visita del ministro dell’Interno Matteo Salvini in Sicilia. “Non è un caso” sottolinea Orlando, che domani leggerà il testo (due pagine dattiloscritte) in occasione delle celebrazioni della festa della Liberazione al giardino Inglese. “Salvini – aggiunge il sindaco – è un pericolo per la democrazia, ma alla fine perderà”. 

Il vicepremier, mai citato esplicitamente nel documento, è il principale obiettivo di Orlando, che chiama in causa anche il governo nazionale nel suo complesso per aver avallato “atti che aprono a scenari inquietanti per il futuro del nostro Paese”. Il riferimento è alle direttive che contrastano l’attività di salvataggio di naufraghi in mare e l’istituzione delle “zone rosse contro i balordi”. Atti che, si legge nel documento approvato dalla Giunta, “non hanno valore giuridico” tanto che “è costituzionalmente doverosa la non applicazione”.

Una disobbedienza che per il Comune diventa argine “ad un continuo alimentare paure e sentimenti di insicurezza, anche lì dove paure e insicurezza non hanno ragione d’esistere”. Dietro quello che viene definito “un attacco a diritti umani e civili che sono pietre miliari della nostra comunità”, secondo la Giunta si nasconde “una progressiva e sempre più violenta limitazione dei diritti individuali”. Una vera e propria escalation “iniziata con l’individuazione, quali primi nemici, dei migranti e di coloro che hanno testimoniato la cultura dell’accoglienza” e proseguita con “attacchi a disabili, nomadi, omosessuali e transessuali, minoranze religiose”. Un clima che ha generato “provvedimenti disumani e criminogeni”, provocando una reazione anche nei confronti di “massime cariche dello Stato, rappresentati di diverse fedi religiose e del Papa”. 

A tutto questo il Comune di Palermo contrappone lo slogan “Io sono persona, noi siamo comunità” e ribadisce la sua adesione “ai valori democratici repubblicani sanciti nella Costituzione”. A tal proposito, Orlando lancia anche l’idea di una grande manifestazione in difesa dei diritti e della carta costituzionale, da organizzare a Palermo dopo le Europee, perché “questa non è un’iniziativa elettorale”. Così il sindaco che prova comunque a raccogliere consenso tra i sindaci italiani e semplici cittadini in ottica anti-Salvini. “Il suo – conclude – è un gioco infantile e irresponsabile di chi vuole negare i diritti della Costituzione”.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (19)

  • Avatar anonimo di Klauss
    Klauss

    cara redazione non capisco il perché ogni qual volta che faccio ironia ( sempre pulita ) sul Sindaco, non pubblicate mai il mio commento. Leggo spesso giudizi ben più pesanti del mio...forse perché metto il coltello troppo sulla piaga? In ogni caso è deludente 

  • Orlando....la solita fuffa Interessante la rivisitazione del modo di celebrare questo 25 aprile di Salvini Meglio lui

  • Avatar anonimo di Stefano
    Stefano

    caro ollando ma non leggi Palermo today ? non c'è uno che parla bene di te è questo ti dovrebbe fare pensare...sparati le ultime cartucce sta finendo.  SALVINI È IL MIO SINDACO IL MIO PREMIER IL MINISTRO DELL'INTERNO...tu a PALERMO nulla

  • Non ci sta piú nella realtá. Quel che é scorretto é il suo cerchio magico lo usa e lo spreme come un limone finché puó. Non si fanno queste cose agli anziani.

  • Avatar anonimo di Indignato
    Indignato

    Uno che urla così cerca solo di alzare una cortina fumogena e di sembrare un "puro" un "buono" incapace di qualunque male...mi sa che ha paura dei suoi scheletri nell'armadio....ricordiamoci il cognome di questo signore e di altri "puri" e "antimafiosi" che poi si sono rivelati altro....confido nella corte dei conti e nella procura!

  • Ormai è fuori controllo: ogni occasione è buona per attaccare il governo nazionale e continuare a propalare la sue ca...te storiche che hanno radice unica, cioè l'accoglienza dei delinquenti nigeriani e l'integrazione dei falsi rom.

  • Orlando é completamente scollato dalla realtà

  • Perché non si dimette nell’interesse della città e del paese

  • Figurati se perdeva occasione per sparare caz****!!! Finora unico pericolo sia stato lui che ha appoggiato tutte ste invasioni! Finora Salvini non è pericolo ma unica speranza del popolo italiano

  • Avatar anonimo di Mario1
    Mario1

    Queste le parole del sindaco. "Appello di Orlando agli italiani: "Siate partigiani della Costituzione, Salvini pericolo per la democrazia" Credo che fino ad oggi il pericolo per la democrazia sia stata l'invasione dei migranti in Italia e la mancanza di sicurezza per gli italiani. I criminali veri fino ad oggi sono stati tutelati da un buonismo becero e calcolato. Quindi Salvini è la sola speranza per mettere ordine in questa Italia distrutta dai nemici della Patria e da chi ha interessi di bottega.  

  • l'emiro orlhand una ne pena e dieci ne fa di str........anezze

  • Ancora non si è reso conto che è lui il pericolo per i palermitani.

  • Ormai è passato al delirio,spero che qualcuno lo possa fermare!!!

  • Ecco un'altra sciocchezza io dicendo da una famiglia di partigiani e sicuramente tu non li rappresenti. Cambia suonata! Pensante una nuova!

  • Avatar anonimo di Dario
    Dario

    Lasciando stare destre e sinistra le regole del sistema ci governa andrebbero tutte cambiate, snellite però, perché queste leggi italiane fanno schifo e non aiuta, troppa burocrazia, troppa leggi a favore di una divisione sociale del popolo. Andrebbe applicata una politica che tiene un la metà della popolazione ad un livello di benessere medio, dove la media sia fatta con numero alto ( considerando i ricchi ) quelli massimo sopra un livello di benessere, e applicare leggi che cambiano i diritti a tutti quelli che hanno benessere in accesso, benessere che il popolo non usa e che neanche spesso chi è ricco usa, si potrebbe fare questo dando ad ogni cosa un pezzo massimo dove oltre non si puo mai andare legalmente. I super ricchi quindi non avrebbero più bisogno di tanti soldi in banca per vivere agiati, non avrebbero neanche diritti uguali a tutti, perché la parte mano ricca va avvantaggiata rispetto a chi è povero, per equilibrare i livelli, troppa differenza socisli portano a miseria da un lato e ricchezza esagerata da un altro, cambiando l'aspetto del vero italiano medio, quello dove nel conti ci stanno solo ricchi massimi fino a un certo livello, perché nella medie,  numeri altissimi fanno alzare moltissimo la media, come due o tre numeri altri calcolando tanti numeri piccoli. C'e da diventare veramente dei partigiani fra poco e fare una guerra... le nostre leggi sono vincolate da tanti paletti, i vincoli alla scelte sono quelle ci  spazzano le ali della crescita economica, la burocrazia e quindi, troppi vincoli interni, la poca disciplina nelle famiglie fa tutto il resto.

    • Per prima cosa l obbligo della lotta contro gli ignoranti e abolizione del suffragio universale...

  • Ollanno, hai ricominciato con le... ? Sei un pericolo pubblico.

  • ollando ...ritirati si fasullu ...

  • Avatar anonimo di KIWI
    KIWI

    Ma lei è pagato per fare il sindaco di Palermo o per polemizzare contro Salvini?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Nino Di Matteo rimosso dal pool stragi per colpa di un’intervista

  • Elezioni

    Il giorno delle Europee, urne aperte fino alle 23: Mattarella a Palermo per votare

  • Cronaca

    Rimprovera "sporcaccione" che lancia spazzatura dal finestrino e viene investito

  • Cronaca

    Ladri e scassinatori seriali in centro città: erano l'incubo della notte, arrestati

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Travolto da una moto in via Notarbartolo: il cuore si ferma, salvato da due passanti

  • La droga "calabrese" venduta a Palermo, i nomi degli arrestati

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • "Paga o ti faccio chiudere il cantiere": ma lui si ribella e fa arrestare uno dei Graviano

Torna su
PalermoToday è in caricamento